Input your search keywords and press Enter.

Ucciso con una raffica di colpi di pistola un barbiere nel retrobottega del suo negozio. Non sono chiari i motivi di quella che sembra un’esecuzione

Due persone armate di pistole, hanno fatto irruzione nella bottega di un barbiere, poco dopo si sono sentiti degli spari a raffica che hanno ucciso il titolare del negozio.

Il barbiere, si chiamava Luca Megali, aveva 28 anni, risiedeva a Soccavo ma  la sua bottega si trovava a Pianura.

Ieri, intorno alle 19 e 30, l’agguato mortale.

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, le due persone che hanno fatto irruzione nella bottega, hanno prima minacciato la vittima con la pistola chiedendo di consegnare l’incasso della giornata.

Inspiegabilmente, il giovane Megali, sarebbe scappato nel retrobottega del negozio per nascondersi.

Qui è stato raggiunto dagli assassini che lo hanno freddato con molti colpi d’arma da fuoco.

La dinamica dell’agguato, è subito parsa strana alla polizia intervenuta sul posto, tanto che si suppone non si sia trattata di una rapina ma di un agguato di camorra.