Input your search keywords and press Enter.

Truffa in Alto Adige, macellai napoletani in nero producevano lo speck altoatesino

Avevano creato una vera e propria organizzazione che, divista tra Bolzano e Napoli, “arruolava” macellai napoletani o extracomunitari per produrre speck in Alto Adige, attraverso fittizi contratti di appalto e pagamenti in nero compensati da fatture false, che permettevano alle aziende di truffare il fisco e di disporre a proprio piacimento della forza lavoro, a seconda di quale fosse la tendenza  del mercato, risparmiando su eventuali momenti di calo della richiesta. A scoprire il complesso marchingegno è stata la Guardia di Finanza di Merano, che in seguito ad una lunga indagine è riuscita a smantellare l’organizzazione e ad arrestare i titolari di quattro aziende napoletane che da anni si erano ormai stabilite in Alto Adige. In tutto sono state denunziate 17 persone e sequestrati beni, tra mobili e immobili, per un valore stimato di circa un milione di euro.