Input your search keywords and press Enter.

Terrorismo: fermati cinque uomini di cui quattro residenti a Napoli e nel Casertano

Lo scorso 29 marzo, grazie alle indagini condotte dal pm Sergio Colaiocco, una nuova pista si è aperta sul fronte del terrorismo internazionale collegato ad Anis Amri, l’uomo che il 19 Dicembre del 2016 uccise 12 persone piombando con un camion sul mercatino di Natale a Breitscheidplatz, a Berlino, e che poi fu ucciso, quasi per caso, tre giorni dopo da due poliziotti a Sesto san Giovanni. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno infatti notificato un mandato di cattura per cinque stranieri residenti in Italia : Abdel Salem Napulsi, già detenuto nel carcere di Rebibbia, e quattro tunisini residenti a Napoli e nel Casertano. Il provvedimento fa seguito a quello già emesso nei mesi successivi all’attentato quando tre conoscenti di Amri, residenti a Latina, furono espulsi dal nostro Paese. Abdel Salem Napulsi e gli altri quattro sono accusati di terrorismo dopo che gli inquirenti hanno scoperto che il primo, oltre a 16 video di propaganda islamista presi da Youtube, ha scaricato istruzioni sull’uso di carabine ad aria compressa e lanciarazzi del tipo Prg-7, nonché su come modificare alcune armi in commercio, e ha cercato di acquistare o noleggiare un mezzo, un modello tipo pick up o camioncino, adatto a montare armi da guerra. Ha poi, a seguito di un’intercettazione telefonica, pronunciato frasi shock contro gli infedeli occidentali. Gli altri quattro, invece, sono accusati di falsificazione di documenti e di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Hanno fatto entrare illegalmente in Italia un centinaio di connazionali e addirittura lo stesso Amri si rivolse a loro per avere un passaporto contraffatto e un finto permesso di soggiorno, prima di trasferirsi in Germania. Da questi nuovi sviluppi è possibile quindi che la rete di Amri in Italia sia più ampia di quella prospettata inizialmente, radicata forse anche in Campania.

Vincenzo Persico

Classe 1991, laureato in Economia Aziendale all’Università Federico II di Napoli ed Esperto Contabile. Interessi particolari : sport, politica e soprattutto economia. Si occupa per il giornale, in particolare, di Tributaria ed economia nazionale.