Input your search keywords and press Enter.

“Tango e Cash”: un irresistibile cocktail di azione, amicizia e riscatto

Tango & Cash  è un film di genere action-commedia-poliziesco del 1989 diretto da Andrej Končalovskij. La pellicola ha per interpreti principali Sylvester Stallone (Raymond “Ray” Tango), Kurt Russell (Gabriel “Gabe” Cash), Teri Hatcher (Katherine “Kiki” Tango), Jack Palance (Yves Perret), Brion James (Requin), James Hong (Quan), Marc Alaimo (Lopez), Edward Bunker (capitano Holmes), Lewis Arquette (Wyler), Michael J. Polland (Owen), Leslie Morris (Hendricks), Michael Jeter (Skinner), Phil Rubenstein (Matt Sokowski), Clint Howard (Slinky), Robert Z’Dar (detenuto “Conan il barbaro”) e Geoffrey Lewis (capitano Schroeder).

TRAMA Ray Tango e Gabe Cash sono i due migliori poliziotti di Los Angeles e, nonostante un modo di fare completamente agli antipodi, riescono a mettere a segno diverse importanti operazioni contro la criminalità organizzata della città. Il potente boss Perret decide quindi di escogitare con i suoi alleati Quan e Lopez un piano per eliminarli dalla circolazione dopo averne infangato il nome per evitare di creare due martiri e scongiurare la reazione della polizia. Dopo averli incastrati per l’omicidio di un agente federale sotto copertura grazie ad alcune prove create ad arte e averli fatti condannare a diciotto mesi di prigione, Perret li fa dirottare dal previsto carcere federale di minima sicurezza in un penitenziario di massima sicurezza i cui detenuti sono stati arrestati per la maggior parte proprio dai due poliziotti. Per i due colleghi-rivali non resta che unire le forze per sopravvivere al linciaggio dietro le sbarre, scoprire chi li ha incastrati e riscattare il proprio nome agli occhi della società.

ANALISI Fin dalla scena di apertura lo spettatore viene introdotto nell’azione che scorre veloce. I due protagonisti sono due poliziotti fuori dalla norma, come vuole il copione del genere Action di epoca d’oro (’70-‘90), che sembrano contendersi il primato di migliore nel suo mestiere. Uno combina l’addestramento perfetto ad uno stile in giacca e cravatta (Tango), l’altro è il tipico poliziotto da strada (Cash) che ad un coraggio ai limiti della folle spavalderia vanta una preparazione non inferiore al rivale. Ma dietro le diversità di stile e di carattere si celano il comune senso di giustizia in difesa dei deboli contro i peggiori fra i delinquenti. E quando la  legge che vacilla in una burocrazia fallace tipica di un sistema corrotto finisce per incastrarli, ai due simpatici anti-eroi non rimane che unire le forze per riscattare sé stessi. Scontri spettacolari ai limiti dell’assurdo e rocambolesche fughe sono intervallate da brevi momenti di pausa per rivelare il risultato della indagini da latitanti e per conoscere meglio i personaggi. L’immancabile scontro finale si risolve in un’esplosione di puro intrattenimento dove la violenza è ridotta al minimo e controbilanciata dall’ironia delle battute a fine scena che rende il lieto fine più che divertente.

UN CULT ANTISTRESS I protagonisti Sly e Russell sono due icone dell’Action di epoca d’oro (’70-’90) che non hanno bisogno di presentazioni e qui mostrano un’irresistibile alchimia nel formare una coppia forgiata da una iniziale rivalità e saldata dalle comuni sventure che comporta il ruolo di turno. Chi ha conservato nel cuore il cinema ’80 – ’90 non può che ringraziare un periodo irripetibile che dimostra come anche le produzioni fine a sé stesse consentono di ritrovare nuova voglia di vivere in particolare durante un presente sempre più degradante e deprimente.

UN VERO SPASSO.

Vittorio Paolino Pasciari

Classe '86, nolano DOC. Laureato in Lettere Classiche, appassionato di cinema, letteratura e teatro.