Input your search keywords and press Enter.

Super Mertens si presenta col botto, Mario Rui in panchina, Zielinsiki e Milik in ombra

di Francesco Amato. Si chiude la prima giornata del Mondiale di calcio in Russia con dei risultati a dir porco rocamboleschi.

I padroni di casa della Russia hanno però già giocato una partita della seconda giornata della competizione contro l’Egitto, confermando il loro grande momento di forma e vincendo 2 partite nel girone, qualificandosi alla fase successiva, è questo il primo verdetto del mondiale.

Messi e Neymar partono con il piede sbagliato, pareggiando in malo modo con le rispettive nazionali, mentre Cristiano Ronaldo sale in cattedra segnando una tripletta nel pareggio per 3-3 tra Spagna e Portogallo, soltanto panchina invece per il terzino “partenopeo” Mario Rui.

Il Belgio porta a casa un sonoro 3-0 ai danni del Panama che ha la firma di un superlativo Dries Mertens, che con uno splendido gol e un assist si prende la squadra sulle spalle. Questo non è riuscito ai “napoletani” Milik e Zielinski che perdono il confronto tra la loro nazionale, quella polacca, e il Senegal dell’amico Khoulibaly. Gli italiani non saranno stati felici per la vittoria della Svezia ma si saranno consolati con la clamorosa sconfitta degli storici rivali tedeschi per mano del Messico.

Ecco i risultati di tutte le partite giocate fino ad ora in Russia:

Russia – Arabia Saudita 5-0,  Russia – Egitto  3-1

Egitto -Uruguay 0-1

Marocco – Iran 0-1

Portogallo – Spagna 3-3

Francia –  Australia 2-1

Argentina- Islanda 1-1

Perù – Danimarca 0-1

Croazia – Nigeria 2-0

Costarica – Serbia 0-1

Germania – Messico 0-1

Brasile – Svizzera 1-1

Svezia – Corea del Sud 1-0

Belgio – Panama 3-0

Tunisia – Inghilterra 1-2

Colombia- Giappone 1-2

Polonia- Senegal 1-2

Francesco Amato

Classe 1998, studente di Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Salerno. Appassionato di musica, comunicazione digitale e giornalismo. Una frase che lo identifica? "Evito le persone con il punto esclamativo, preferisco quelle con il dubbio"