Input your search keywords and press Enter.

Il Pallone d’Oro 2020 non sarà assegnato

Il Groupe L’Équipe, a cui appartiene France Football, organizzatore del Pallone d’Oro dal 1956, ha deciso di non assegnare il trofeo individuale più prestigioso al mondo nel 2020. Invece dei soliti 4 vincitori (maschile e femminile, Ballon d’Or, Kopa e trofei di Yachine), France Football nominerà undici atleti alla fine dell’anno, con la rivelazione della squadra di tutti i tempi eletta dalla solita giuria Ballon d’Or, vale a dire circa 180 giurati da tutto il mondo. Il principio sarà che da un elenco di contendenti di tutti i periodi, stabilito dalla redazione di FF, ciascuno dei giurati dovrà scegliere, posta per posta, gli undici giocatori del suo Dream Team. Questa formazione leggendaria sarà rivelata sui vari media di L’Équipe e France Football.

Pascal Ferré, caporedattore di France Football, ha così commentato la decisione:

Per la prima volta dal 1956, il Pallone d’Oro si prenderà una pausa. Non ci sarà un’edizione 2020, perché dopo la riflessione risulta che non tutte le condizioni sono soddisfatte. Crediamo che un anno così unico non possa – né dovrebbe – essere trattato come un anno ordinario. In termini sportivi, solo due mesi (gennaio e febbraio) degli undici generalmente richiesti per formarsi un’opinione e decidere tra i migliori, è troppo poco per valutare e giudicare, dato che le altre partite poi hanno avuto luogo – o avverrà – in altre condizioni (a porte chiuse, cinque sostituzioni, ecc) che sono troppo lontane dal solito panorama.

Infine, l’equità che prevale per questo titolo onorario non sarebbe appropriata, in particolare a livello contabile e di preparazione, poiché tutti i candidati al premio non potevano essere sistemati nella stessa barca, alcuni avendo visto la loro stagione interrotta. Quindi, come si confronta? Per evitare calcoli e proiezioni eccessivamente contorti, abbiamo scelto le opzioni meno dannose. Questa decisione, che è stata presa ovviamente con tutte le componenti del Gruppo, non ci delizia ma ci sembra la più responsabile. Proteggere la credibilità e la legittimità di un tale premio significa anche garantire che sia irreprensibile nel tempo. La grande famiglia del calcio e dei tifosi si incontreranno nel 2021 attorno al Pallone d’Oro, per riconnettersi con l’allegria che circonda le cerimonie come abbiamo potuto sperimentarle negli ultimi anni.