Input your search keywords and press Enter.

Space Jam 2: cosa sappiamo del sequel con LeBron James

Piaccia o meno, Space Jam, col suo mix di basket, cultura pop, grandi celebrità e Looney Tunes, è stato uno dei film cult degli anni Novanta. Ma il tempo passa per tutti, perfino per il re del parquet Michael “Air” Jordan, che nell’attesissimo seguito del primo capitolo si trova costretto a passare la palla a Lebron James. Ma cosa aspettarsi dal nuovo episodio? Quale improbabile squadra di basket verrà messa su stavolta? Chi saranno gli avversari di turno? E, soprattutto, rivedremo comparire Michael Jordan, almeno in un cameo?

Non sappiamo ancora rispondere a tutto, ma diverse notizie riguardo al nuovo capitolo sono già trapelate in rete. Ecco a voi dunque tutto quello che sappiamo, ad oggi, di Space Jam 2, riassunto in tre punti essenziali:

1. TITOLO, TRAMA E DATA DI USCITA Finora lo abbiamo chiamato Space Jam 2 per una questione di comodità, ma recentemente è stato lo stesso Lebron James a svelare il titolo e il logo ufficiale del film, Space Jam: A new legacy, nomenclatura che fra le altre cose chiarisce la vera natura del film, che non sarà un sequel né un remake, ma un vero e proprio reboot, slegato quindi a livello di trama dal suo predecessore del 1996. Anche se, ci scommettiamo, il fattore nostalgia si farà sentire, sfociando in tutta una serie di citazioni e ammiccamenti al capostipite. In realtà, un sequel di Space Jam era già stato messo in cantiere nel 1997, ma il progetto si arenò dopo il no di Jordan. Nel corso degli anni successivi si sono poi rincorse numerose voci su un rinverdimento del franchise. Oggi abbiamo finalmente una data di uscita ufficiale, il 16 luglio 2021, ovvero esattamente 25 anni dopo l’uscita del primo Space Jam. Essendo già in fase di post-produzione allo scoppio della pandemia, il progetto non ha subito grossi contraccolpi come è invece successo a tante altre produzioni cinematografiche di questo periodo ed è stato lo stesso Lebron James a rassicurare il pubblico dichiarando che il film non subirà slittamenti o ritardi.

2. LA STAR Il protagonista di Space Jam 2 sarà di nuovo un numero 23, ma non quello dei Chicago Bulls degli anni Novanta, sua maestà Jordan, bensì il 23 dei Los Angeles Lakers dei nostri giorni, ovvero Lebron James. Il campione dei Lakers è unanimamente riconosciuto come il giocatore più dominante della lega ed è la figura che per carisma e stile di vita (più che per stile di gioco) si avvicina a quello che era e che rappresentava Michael Jordan negli anni Novanta. Sarà quindi lui a guidare i Looney Tunes in una nuova, fantasmagorica avventura a base di risate e basket.

3. CHI CI SARÀ OLTRE A LEBRON? Fra i giocatori ufficialmente coinvolti nel progetto Space Jam: A New Legacy, figurano Anthony Davies, compagno di LeBron nei Lakers, Klay Thompson dei Golden States Warriors, Chris Paul degli Oklahoma City Thunder e Damian Lillard dei Blazers. Una gradita novità riguarda la presenza di giocatrici della lega femminile WNBA, come Nneka Ogwumike e Diana Taurasi, a dimostrazione del fatto che il basket femminile vive un momento di forte ascesa negli States. Riguardo ai Looney Tunes, invece, scontata la presenza del duo Bugs Bunny e Duffy Duck, ma rivedremo anche la sensuale coniglietta Lola Bunny, Gatto Silvestro e Titti, Willy il coyote e Beep Beep, il Diavolo della Tasmania Taz e il maldestro cacciatore Taddeo. Nel cast artistico spicca poi la presenza di Don Cheadle e di Sonequa Martin-Green (nota per i suoi ruoli in The Walking Dead e Star Trek: Discovery), che dovrebbe vestire i panni della moglie del protagonista Lebron James. Alla regia, dopo l’abbandono di Justin Lin e Terence Nance, c’è Malcolm D. Lee, mentre alla sceneggiatura troviamo Ryan Coogler, che ha già dato dimostrazione di sé negli apprezzati Creed e Black Panther. Colonna sonora affidata ad Hans Zimmer, mentre gli effetti visivi saranno appannaggio della Industrial Light & Magic di George Lucas, che torna a collaborare la Warner Bros dopo l’indimenticabile Chi ha incastrato Roger Rabbit? del 1988. La grande incognita resta invece proprio Michael Jordan, che non ha mai amato l’idea di un sequel e che, conoscendo il suo carattere, difficilmente potrebbe accettare di figurare sulla scena come spalla di Lebron. Ma mai dire mai…

Felice Sangermano

Classe 1986, appassionato di cinema e letteratura. Freelance blogger e scrittore. Autore preferito: Louis-Ferdinand Cèline. "Sono un po' più allegro di lui però" dice lui.