Input your search keywords and press Enter.

La storia del sindaco eroe morto per salvare i suoi dipendenti

Emanuele Crestini è diventato per tutti il “sindaco eroe” ma Rocca di Papa ora non ha più il suo primo cittadino. Crestini, infatti, è morto in seguito alle ferite riportate per l’esplosione del 10 giugno scorso che aveva colpito il palazzo comunale della cittadina romana balzata agli onori delle cronache per l’accoglienza ai migranti della Diciotti.

Crestini, racconta la fidanzata Veronica, era uscito dal Comune per ultimo, era salito ai piani superiori per avvisare i dipendenti del pericolo, permettendogli così di mettersi in salvo. All’ospedale di Tor Vergata era arrivato cosciente, alla compagna aveva addirittura promesso che all’uscita l’avrebbe sposata. Purtroppo però Emanuele Crestini non ce l’ha fatta, il troppo fumo tossico inalato lo ha stroncato. Assieme a lui ha perso la vita anche il delegato comunale Vincenzo Eleuteri. 4 comuni romani, oltre a Rocca di Papa, hanno dichiarato lutto cittadino; il sindaco avrebbe compiuto a breve 47 anni.