Input your search keywords and press Enter.

Ministro Costa, emergenza tumori: “Istituito tavolo di lavoro con il ministero della Salute”

Ambiente, giovani e politica. A San Paolo Bel Sito arriva il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, per un incontro politico in sostegno del candidato a sindaco Michele Nappi sostenuto dal locale Movimento 5 Stelle. “Mi fa piacere essere qui, ho letto il programma del candidato e ho apprezzato molto le proposte in tema di ambiente. Non credete a chi vi dice che l’economia non può sopravvivere senza rispettare l’ambiente. Voi siete giovani, osate. Io sarà al vostro fianco“. Queste le parole del ministro Costa che poi ha risposto anche sul tema dell’emergenza tumori che attanaglia il cosiddetto “Triangolo della Morte” tra Nola, Marigliano e Acerra: “Posso già dire ora che è stata votata una norma inedita sul Registro dei Tumori Nazionale. Prima era regionale e l’eventuale negligenza regionale faceva danni a tutto il sistema nazionale. Ora le Regioni sono obbligate a farlo. La questione è di competenza del ministero della Salute ma abbiamo ugualmente creare un tavolo di lavoro tra ministero dell’Ambiente e dal ministero della Salute con il coinvolgimento dell’onorevole Pierpaolo Sileri, sottosegretario e medico di indiscussa fama. Ora è il momento di agire. La legge c’è, le Regioni facessero il loro dovere“.

Spazio anche al candidato Michele Nappi che ha illustrato le tematiche ambientali del proprio programma elettorale: “Per quanto riguarda le infrastrutture presenti sul territorio non posso promettere opere faraoniche, noi vogliamo valorizzare le opere già presenti, e mi riferisco alla biblioteca comunale, alla villa comunale ed al campo sportivo. Questi sono i primi 3 punti che servono per valorizzare il coinvolgimento sociale, anche dei giovani, nel paese. Per quanto riguarda l’ambiente, puntiamo forte sull’idea di istituire la cosiddetta Tariffa Puntuale. L’idea è di far pagare la tariffa sui rifiuti non più sulla metratura della casa ma su quanti rifiuti vengono prodotti, così noi vogliamo incentivare i cittadini a produrre quanti meno rifiuti possibili compiendo un ulteriore passo verso la raccolta differenziata. La tariffa è costituita da una parte fissa che corrisponderà al differenziato ed una parte variabile che sarà calcolata in base alla quantità di rifiuti indifferenziati prodotti. Ovviamente punteremo anche molto sulla sensibilizzazione, tramite eventi e percorsi di informazione continua per creare buone pratiche“.

In chiusura, è arrivato anche il commento dell’on. Luigi Iovino, pentastellato e nativo proprio di San Paolo Bel Sito: “Riteniamo che il Comune in cui ci troviamo sia poco curato dall’amministrazione comunale. Su un territorio di poco meno di 3 km quadrati ci arrivano segnalazioni di rifiuti in tantissime zone, segno di quanto l’amministrazione investa sulla manutenzione e la pulizia. In particolare, nel cimitero comunale è presente un cassonetto in cui vengono sversati illecitamente rifiuti, è un’area particolare anche perchè molti cittadini fanno jogging. Recentemente abbiamo visto nuove operazioni di pulizia ma per noi sono solo mancette elettorali. Non si è mai pensato a come rivalutare l’ambiente circostante, pensate che abbiamo circa 90 persone che percepiscono il reddito di cittadinanza e nessuna di esse viene coinvolta in lavori socialmente utili in questo settore, non vengono per nulla valorizzati. Per noi l’amministrazione è lontana anni-luce dalla nostra idea di cura del nostro paese. Non abbiamo fiducia nelle nuove liste che si sono presentate, fin troppe unioni politiche sono solo delle manovre fatte ad hoc perchè non si vuole lasciare incarichi o poltrone. Noi questo non lo vogliamo permettere. Ammetto, infine, che il risultato della raccolta differenziata è positivo, ma se lo rapportiamo al numero degli abitanti e ai Comuni che ci circondano, ritengo che si possa fare molto meglio e arrivare anche all’80-90 per cento di raccolta differenziata. Potrebbero crearsi anche progetti di formazione sul tema ma in realtà viene solo imposto di fare raccolta differenziata senza alcun incentivo, quale è per l’appunto la tariffa puntuale“.