Input your search keywords and press Enter.

“Romantic Scam”: cosa sono le truffe amorose sul web e come evitarle

Nella giornata dedicata all’amore era opportuno soffermarsi su un fenomeno che sta dilagando sui social. Stiamo parlando delle truffe amorose per soldi. Come ben sappiamo, internet è un mondo pieno di insidie e svariati sono i tentativi di truffa ai danni delle persone ingenue. Il sentimental scammer (o romantic scam) è un tipo di inganno conosciuto a molti utenti della rete. La truffa inizia con l’apertura di un falso profilo social con cui il truffatore (o truffatrice) contatta un’altra persona dell’altro sesso. Tra i due nasce un’ intensa corrispondenza avente ad oggetto gli eventi della propria vita (anch’essi inventati). L’impostore fa credere alla vittima di essere innamorato di quest’ultima ed inizia a narrare le proprie disavventure.

La truffa romantica  si caratterizza per il fatto che il racconto falso fa leva sulla psiche della vittima inducendola a compiere delle donazioni in favore del  truffatore. Questa fattispecie criminosa rientra nel reato di truffa e può essere oggetto di querela da parte della vittima. Tale querela va presentata entro 3 mesi dalla realizzazione della frode. L‘inganno sentimentale è realizzato da artifici e raggiri. Sia gli artifizi – ovvero la simulazione di circostanze di fatto inesistenti – sia i raggiri, ossia la menzognera rappresentazione di una falsa realtà –  sono idonei a causare l’inganno quando hanno effettivamente generato il danno per la vittima. Non è escluso il reato di truffa in caso di mancata diligenza da parte della vittima che non sia  resa conto del raggiro nel quale è caduta.

Secondo il Tribunale di Milano, ai fini della realizzazione del delitto di truffa sentimentale occorre individuare tre aspetti. Il primo è la condotta fraudolenta, ovvero la presenza di artifici e raggiri; il secondo è il dolo iniziale, ossia l’intenzione dell’agente di aver voluto ingannare fin dall‘inizio la vittima al fine di ottenere una somma di denaro; il terzo riguarda il rapporto tra errore e atto di disposizione patrimoniale, ovvero, non sussiste la truffa se l’errore non è stato conseguenza della donazione di denaro. Secondo il Tribunale di Milano “costituisce comportamento ingannevole e rilevante ai fini del reato di truffa, l’aver approfittato di una relazione sentimentale e aver promesso di restituire le somme di denaro chieste in prestito al partner, senza avere la reale intenzione di restituirle, a fronte della prospettata – e peraltro artatamente esagerata – propria condizione di temporanea difficoltà economica”.

Dunque, cari lettori e innamorati, cercate di prestare attenzione alle richieste di amicizia che vi giungono dai social. Verificate chi è la persona che vuole contattarvi e guardatevi bene dall’elargire somme di denaro senza appurare la veridicità delle dichiarazioni di chi dall’ altra parte cerca di far leva sul vostro cuore e sulla vostra bontà d’animo. Prestate attenzione!

Carolina Cassese

Laureata in giurisprudenza presso l ‘Università degli studi di Napoli Parthenope, dopo aver svolto pratica forense nella materia di diritto civile, decide di intraprendere la carriera dell’insegnamento di diritto ed economia politica presso l’istituto paritario Kolbe di Nola. Ha conseguito diversi master e specializzazioni per l‘ insegnamento ed attualmente collabora con l‘associazione Saviogroup, di cui è vicepresidente, realizzando articoli e servizi fotografici attinenti la festa dei gigli di Nola e non solo. Membro membro del Cda della Pro loco di Nola città d ‘arte con delega alla festa dei gigli. Fa parte del direttivo dell’associazione delle reti delle macchine a spalla. Membro del coro diocesano del Duomo di Nola. Ama il nuoto la pallavolo, la ginnastica artistica e la danza classica, che ha praticato in tenerà età. Da piccola ha studiato pianoforte ed è appassionata di musica classica, napoletana e dei gigli degli anni ‘70 e ‘80. In passato ha inciso alcune canzoni dei gigli, sposando il suo amore per il canto con la festa dei gigli di Nola. Ama trascorrere i weekend al cinema o prendendo parte ad escursioni nei posti più belli della Campania.