Input your search keywords and press Enter.

Secondigliano: caserma dei carabinieri crivellata su ordine di un boss latitante

Ci sarebbe una spiegazione ben precisa dietro al barbaro atto avvenuto nella notte del 20 aprile, che ha visto un gruppo di giovani imbracciare dei mitra e crivellare di colpi la stazione dei Carabinieri di Secondigliano. Secondo quanto si apprende dalle prime indagini, così come riporta il Mattino, tutto sarebbe da ricondurre alla vendetta di un boss latitante, il quale, a seguito di una decisione del Tribunale dei Minori presa pochi giorni fa, avrebbe deciso di mandare un messaggio alle istituzioni. Il boss, infatti, intratteneva una relazione con una donna incensurata dalla quale ha avuto due figli, i quali due giorni fa sono stati prelevati dai Carabinieri nell’abitazione della giovane per essere trasferiti in un luogo sicuro fuori Regione, in base ad un provvedimento di allontanamento per preservarne l’incolumità. La decisione non è affatto andata giù all’esponente della malavita che da almeno tre anni semina il terrore a Secondigliano.

 di Vincenzo Persico

[foto: TGcom24 ]