Input your search keywords and press Enter.

Nola, calcio: l’S.S. Nola 1925 batte il Cellole per 2 a 0. Entusiasmo e divertimento sugli spalti

NOLA – “Ma che bello è, quando esco di casa per andare allo stadio, a tifare il Nola”, un messaggio lanciato forte e chiaro sugli spalti dagli ultrà che, a quanto pare, è stato recepito forte e chiaro dai nolani. Con l’agibilità dello Sporting e la riapertura delle tribune, è ritornata la voglia di andare allo stadio per seguire il Nola. Ieri la compagine nolana ha vinto 2-0 contro un Cellole davvero rivedibile per quella che è la categoria in cui sono impegnati, ma ciò che è da sottolineare è certamente l’entusiasmo che c’era sugli spalti; oltre agli immancabili Ultrà, Essepienne e non solo, ragazzi e ragazze, c’erano anche tantissime famiglie, tante donne, e tanti amanti del calcio nolano. Anche se la partita, soprattutto nel secondo tempo, è stata abbastanza soporifera, sugli spalti si respirava aria di divertimento e di felicità, con molti bambini che guardavano quelle casacche bianconere forse per la prima volta.
Se lo spettacolo c’è stato sugli spalti, nel campo s’è visto poco. E’ tuttavia il Nola a partire forte con Nappi che già al 3’ scalda i guanti di Leone, l’attaccante nolano si libera di un difensore avversario con un sombrero e tira al volo, il calcio tuttavia è troppo debole e la sfera viene bloccata senza problemi dal portiere avversario. Fino al 21’ è una sfida aperta tra Nappi e Leone; la punta nolana si fa vedere dapprima al 7’ con un tiro debole dall’out di sinistra, poi al 13’ quando si vede negare il gol dal portiere del Cellole, dopo essersi incuneato tra due difensori con un tunnel. Al 21’ episiodio dubbio, scontro aereo tra Leone e Nappi, il portiere degli ospiti cade e reagisce colpendo alla schiena Nappi, per l’arbitro non ci sono i presupposti per il rosso. Al 24’ è Conte che si fa vedere dalle parti di Leone, con una punizione dal limite deviata in angolo da un difensore. Un minuto dopo arriva il primo squillo del Cellole, Sagliocco ci prova da punizione, il tiro va poco a lato, alla destra di Balbi. Al 32’ l’episodio che cambia l’inerzia della gara, calcio d’angolo dalla sinistra, mischia in area e Di Biase è il più lesto ad approfittarne, portando il Nola in vantaggio. L’ultima emozione del secondo tempo è regalata dal Nola, ancora Nappi, questa volta lanciato da Dell’Anno, si libera sulla sinistra e tira, ma Leone para facilmente.
Il secondo tempo risulterà essere abbastanza soporifero. Al 53’ Dell’Anno si incunea dalla sinistra e tira, Leone ribatte verso il centro ma Zero non riesce a trovare la deviazione vincente. Al 70’ arriva il raddoppio nolano; ancora Di Biase protagonista, l’attaccante nolano si libera sulla destra e crossa al centro, trovando Nappi che colpisce di testa insaccando alla spalle di Leone, vincendo finalmente la sua sfida personale con il portiere avversario. La reazione degli ospiti arriva un minuto più tardi, il neo entrato Iannarone riceve un cross dalla destra ma il suo colpo di testa finisce alla sinistra di Balbi. L’ultimo squillo della partita si vede all’80’, angolo di Dell’Anno che pesca Della Marca, il colpo di testa del numero 10 nolano però finisce di poco alla destra di Leone.
Vittoria facile per il Nola che, oltre a trovare la sua seconda vittoria consecutiva in campionato, ritrova anche l’entusiasmo dei nolani, grandi e piccoli, uomini e donne, tutti allo stadio per far rinascere un legame che sembrava essere scomparso.

 

S. S. NOLA : Balbi, Manzo, Zero, Caccavale (K), Addeo, Della Marca A., Della Marca G., Dell’Anno, Conte, Di Biase, Nappi
Allenatore : Santaniello
A disposizione : Spirito, Caliendo, Alfieri, Sasso, Di Napoli, Pastore, Fiorentini

Cellole Calcio : Leone A., Turco, Capasso, Gallinaro, Sagliocco, Di Tommaso, Vitale, Ferraro, Verde, De Tommaso, Liselli
Allenatore : Fiorito
A disposizione: Verrengio, Scogliamiglio, Tisone, Leone C., Setaro, Martino , Iannarone

Terna arbitrale : Arbitro il sign. Della Mura di Castellammare di Stabia, primo assistente il sign. Garofalo di Battipaglia, secondo assistente il sign. Fine di Battipaglia

di Nello Cassese