Input your search keywords and press Enter.

S.Paolo Bel Sito: il M5S raggiunge intesa con la maggioranza sulla questione “scrutatori”

«Faremo un regolamento con Maggioranza ed Opposizione per rendere il sorteggio pubblico in futuro»: così il M5S di San Paolo Bel Sito annuncia l’intesa raggiunta sulla questione scrutatori. Quest’ultimo progetto è stato portato avanti da quasi tre anni e adesso diviene oggetto di valutazione in sede di Commissione Elettorale Comunale (C.E.C.).

«Non è stato possibile cambiare la logica delle cose già per la prossima scadenza del Referendum abrogativo del prossimo 17 aprile – dicono gli attivisti del M5S rappresentati da Luigi Iovino – tuttavia, abbiamo “strappato” al sindaco Manolo Cafarelli l’impegno di redigere insieme, con i gruppi di Maggioranza ed Opposizione, un regolamento comunale
che riguardi proprio la scelta mediante sorteggio degli scrutatori, prendendo dall’Albo determinate categorie come giovani, studenti o disoccupati, e da disagiati».

La discussione sull’argomento è decollata fin dallo scorso mese di gennaio, quando gli attivisti del Movimento 5 Stelle protocollarono una richiesta al sindaco e ai membri effettivi della C.E.C. La
Commissione Elettorale Comunale a San Paolo Bel Sito è presieduta direttamente dal sindaco Cafarelli e contempla due elementi di Maggioranza (Gennaro Secondulfo e Pellegrino Foglia), nonché un membro della Minoranza (Benedetto Cava, che è assente all’ultima riunione – è stato per l’occasione surrogato da Concetta Ferraro).

«Noi del M5S – aggiungono i pentastellati del belsito– abbiamo da sempre preso una posizione seria e netta che garantisse equamente i diritti di tutti e non scontasse nessuno: il sorteggio pubblico. E ci siamo ogni volta battuti per questo, chiedendolo ad alta voce ad ogni tornata elettorale, come testimoniano gli audiovisivi presenti su Internet che vorremmo tutti voi guardaste,
e sempre e comunque in tempi non sospetti, a differenza di chi vuole strumentalizzare la vicenda per farsi propaganda, perché crediamo fermamente che la scelta di chi sarà chiamato a scrutinare il voto costituisca uno degli atti più solenni della vita democratica trattandosi di scegliere quelle persone che dovranno garantire la massima correttezza e vigilare sulla regolarità e trasparenza».

Sul canale YouTube “Movimento Cinque Stelle – San Paolo Bel Sito” è presente l’audiovisivo dello scorso 23 marzo, giorno in cui si è riunita la stessa Commissione preposta per la nomina degli scrutatori. “E’ una testimonianza diretta importante da tenere bene a mente – concludono i giovani attivisti – perché da una parte “impegna” il sindaco Cafarelli sulla questione, ai fini della futura
redazione del regolamento sulla tematica, dall’altra certifica la pochezza della Minoranza, che per il Referendum del 17 aprile ha invitato i cittadini, con pochi giorni di preavviso, attraverso una pagina Facebook, a far pervenire le domande di richiesta per essere sorteggiati e quindi nominati scrutatori. In tal caso, ciò che più di ogni altra cosa ci lascia perplessi, è la completa assenza di svolgimento del proprio ruolo politico nelle istituzioni preposte, nelle quali si è stati eletti. È impensabile che si chieda attraverso un social network, di cui non è possibile verificare la trasparenza, di inviare una “domanda” per essere sorteggiati, se non altro con pochissimi giorni di tempo, senza pubblicizzazione adeguata, senza un briciolo di condivisione e partecipazione, soprattutto se a questo aggiungiamo che il documento protocollato da parte dello stesso gruppo consiliare di minoranza è datato 22 marzo, ovvero il giorno prima della convocazione della Commissione.”

Scrutini e sorteggi pubblici. Ora la palla passa alla Commissione Elettorale Comunale. In ogni caso, un eventuale cambiamento del trend andrà in vigore non prima dell’imminente referendum sulle trivellazioni.

 

Di seguito il link dell’intervento del M5S in consiglio Comunale riguardo la questione scrutatori:

https://www.youtube.com/watch?v=1Wyg48yjrFM