Input your search keywords and press Enter.

Ruggiero: “il Movimento Piazza d’Armi è nato per uscire dall’indignazione e passare alla pratica”

La volontà era quella di uscire dalla fase di indignazione e passare alla fase pratica, ecco perchè è nato il nostro movimento“, così il dott. Alberto Ruggiero ha presentato il “giovane” movimento cittadino “Movimento Piazza d’Armi“. Il presidente ha poi risposto ad alcune nostre domande.

Quando è nato il Movimento?

Ci siamo costituiti nel novembre 2015. Volevamo dare voce ai cittadini e perseguire svariati obiettivi, cercando di mettere in moto un attivismo civico che coinvolgesse cittadinanza e amministrazione, con il fine ultimo di contribuire ad un miglioramento della città dal punto di vista sociale e culturale.

Pare di capire che il fulcro dei vostri progetti sia Piazza d’Armi, quella che potrebbe diventare il vero polmone della città. Che visione avete di essa e quali progetti immaginate?”

Ovviamente la nostra è una visione idealistica. Una visione però che tutti i nolani auspicano, ovvero vederla trasformata in un grosso parco verde con tanti servizi offerti. A tal proposito abbiamo organizzato due convegni: il primo nel 2016, in cui abbiamo voluto far innescare una prima scintilla, un dibattito sulla questione; nel secondo invece abbiamo presentato il nostro personalissimo progetto per la rivalutazione dell’area davanti a tante figure rappresentanti le istituzioni. Tra di esse c’erano anche esponenti del Demanio che, proprio all’epoca, aveva bandito un concorso con cui chiedeva a cittadinanza e popolazione delle proposte per la rivalutazione dell’area, con il fine ultimo di trasferire la stessa area al Comune.

“Il Movimento però si è mosso anche in direzione della sensibilizzazione alla legalità.”

La legalità è uno dei nostri obiettivi. A febbraio 2018 abbiamo organizzato un evento proprio sulla legalità che ha visto protagonisti i giovani. Abbiamo scelto studenti delle quinte di 3 scuole del nostro territorio che hanno realizzato dei cortometraggi sull’argomento. Alla premiazione erano presenti il Procuratore Nazionale Antimafia, dott. Cafiero de Raho, don Patriciello e il dott. Filippo Spiezia, vice presidente dell’Eurojust, l’unità di cooperazione giudiziaria permanente dell’Unione Europea.

“Qual è quindi il vostro messaggio?”

Noi riteniamo che i cittadini debbano riappropriarsi della città, vivendola e migliorandola. Tutti noi dobbiamo sentirci parte attiva della vita cittadina, non solo degli spettatori.

 

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola. Collabora come inviato sportivo per Il Giornale di Sicilia e come speaker radiofonico per Radio Antenna Campania.