Input your search keywords and press Enter.

Rientra l’allarme sciopero a Pompei

Sembrerebbe rientrato, a meno di stravolgimenti delle ultime ore, l’allarme riguardante uno sciopero dei dipendenti agli Scavi di Pompei proprio durante le festività pasquali. Il paventato sciopero, che avrebbe portato ingenti danni sia dal punto di vista economico che da quello dell’immagine, è stato scongiurato grazie al sopraggiunto accordo tra i sindacati dei lavoratori e la Soprintendenza. Una nota congiunta di Cisl Bac, Cgil, Flp e Unsa, con le Rsu spiega le motivazioni dell’annullamento della mobilitazione: “Al fine di migliorare la valorizzare del sito archeologico italiano di importanza internazionale, con l’obiettivo di dare maggiore tutela e fruibilità all’area archeologica di Pompei ha dato una ulteriore apertura di credito all’Amministrazione. Si è convenuti unitariamente di garantire per il futuro un’apertura ordinaria di tutte le domus agibili – la nota fa riferimento alle domus di Marco Lucrezio Frontone, Trittolemo, Romolo e Remo – riproponendo un vecchio accordo, già sperimentato con successo, che coinvolgeva il personale di riposo, su base volontaria, in un servizio straordinario a fronte di un incentivo».