Input your search keywords and press Enter.

Pomigliano, operaio FIAT “si crocifigge” contro il Jobs Act

E’ successo proprio durante il discorso di insediamento del neo presidente della Repubblica Sergio Mattarella; un operaio della FIAT, licenziato a giugno, si è “crocifisso” davanti allo stabilimento di Pomigliano. Si tratta di Marco Cusano, uno degli esponenti del movimento di lotta “cassaintegrati”; ieri, mentre tutta l’attenzione era rivolta al discorso di Mattarella, lui si è fatto legare su di una croce di legno davanti all’ingresso 2 dello stabilimento FIAT di Pomigliano D’Arco. Due elementi sono da notare : Cusano indossava la sua uniforme da lavoro e al posto della scritta “Inri” vi era la scritta “Jobs Act è la fine dei diritti”. Quella divisa per l’operaio forse è un qualcosa di più, è ciò che lo identifica nella società ed è il segno del suo lavoro, inteso non solo come attività fisica, ma anche come aggregazione e sostentamento per una famiglia.

“Il Jobs Act ha messo in croce i lavoratori ed i loro diritti” avrebbe dichiarato l’operaio “crocifisso”. Il Jobs Act, ricordiamo, è la riforma del lavoro attuata nel Governo Renzi, che tanto ha fatto discutere i lavoratori. E’ un gesto significativo, questo dell’opearaio campano, e non deve essere trascurato. Se è vero che la politica è al servizio della gente, allora le parole non servono a molto, se non sono seguite da azioni concrete. E’ palese ormai che, in questi tempi di crisi, la gente non ha bisogno di parole vuote di solidarietà, ma di certezze e di fatti.

di Nello Cassese

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola. Collabora come inviato sportivo per Il Giornale di Sicilia e come speaker radiofonico per Radio Antenna Campania.