Input your search keywords and press Enter.

Passione, tradizione e gusto: la pizza secondo Oimà

Passione, gusto, tradizione, tanto sacrificio ed anche un pizzico di coraggio. Da pochi mesi la pizzeria Oimà è sbocciata a Nola ma ha già riscosso il gradimento di tante persone. Il deus ex machine è un giovane del territorio, il suo staff è giovane, il progetto è giovane, insomma, una domanda sorge spontanea: chi lo ha detto che i giovani vogliono scappare da questa terra? Lo sa bene Erasmo Santella, nolano fiero e di poche parole, che con un pensiero alla mamma si è gettato nella mischia della ristorazione veloce a Nola (“oimà” in dialetto è un affettuoso richiamo alla mamma). Per arrivare a coronare il suo sogno, Erasmo ha fatto tanta gavetta ed ha imparato dai pizzaioli che da anni celebrano la tradizione della pizza napoletana. “La persona che mi ha permesso di realizzare tutto ciò è Nino Pannella, il mio maestro, insieme a suo padre che e stato un ottimo maestro di vita; gli devo tutta la mia gratitudine“: ripete sempre Erasmo Santella.

pizzeria oimà nola

In via Anfiteatro Laterizio, ad un tiro di schioppo dal centro storico di Nola, vengono sfornate ogni giorno tantissime prelibate pizze, anche a pranzo e a domicilio. La ciurma di Erasmo Santella trotterella, si sporca le mani di farina e non dimentica mai di sorridere, con quel sorriso tipico di chi è giovane e sta facendo quello che ha sempre sognato. Con la passione per un prodotto famoso in tutto il mondo, nel rispetto della tradizione e con un pizzico di coraggio. Anche se aperti solo da febbraio, infatti, lo staff della pizzeria Oimà ha già proposto diverse novità, portando la pizza tradizionale anche nel girone delle pizze dolci: con nutella, con fragoline, delle vere e proprie pizze-torta.

Eppure, il destino era stato beffardo con Oimà. A febbraio l’apertura nel segno dell’entusiasmo e degli apprezzamenti, a marzo la chiusura per l’emergenza sanitaria. A fine aprile la riapertura parziale, a maggio quella totale. Questo però non ha fiaccato le velleità di Erasmo e company: mascherina, distanziamento e si ritorna davanti al forno. Per tanti la pizza è un piacere, per molti una ragione di vita. “Pizza è una parola magica, quasi un abracadabra, pronunci pizza e molte cose si realizzano“, scrive l’autore Fabrizio Caramagna. Per Erasmo Santella, grazie ad una pizza si è realizzato un sogno. Nola invece è riuscito a strappare un altro giovane imprenditore dalla fuga verso altri panorami. Tradizione, sacrificio e passione: la ricetta della pizza secondo Oimà. Una storia ancora da scrivere, anzi, da condire.