Input your search keywords and press Enter.

La risposta virale di Roy Paci e Pif a Salvini sul nubrifragio di Palermo

A furia di pensare solo agli immigrati, il sindaco Orlando dimentica i cittadini di Palermo: basta un temporale e la città finisce sott’acqua, per non parlare delle bare accatastate al cimitero dei Rotoli. I palermitani meritano molto di più”. Sono passate poche ore dal violento nubifragio che si è abbattuto su Palermo e Matteo Salvini commenta i fatti con queste parole, ovviamente sui social. Un post oggettivamente discutibile che ha scatenato le ire di molti utenti e le risposte di tanti personaggi dello spettacolo di Palermo. E’ diventata virale, a tal proposito, la risposta del musicista Roy Paci:

Ho sempre ritenuto superfluo commentare qualsiasi suo post ma di fronte alla morte di due miei concittadini per questa immane tragedia le dico semplicemente una cosa. Lei è un turpe e miserabile sciacallo. Spero che le nostre lacrime diventino per lei gocce della tortura cinese.

Virale però è stata anche la risposta data dall’attore Pierfrancesco Diliberto, in arte “Pif:

Per un problema tecnico di Twitter non sono riuscito a pubblicare un mio impulsivo commento al tweet “elettorale” di Matteo Salvini, riguardo il temporale di Palermo. Tweet pubblicato mentre le auto galleggiavano, alcuni genitori con i propri figli cercavano salvezza nuotando e mentre arrivava la notizia di una coppia morta annegata in un sottopassaggio. In due ore è caduta l’equivalente di un anno di pioggia. Non ricordo di aver mai visto una cosa simile a Palermo in tutta la mia vita. Ora che è passata una notte, posso giudicare il tweet “elettorale” di Salvini in maniera meno impulsiva e serena. Mi sembra chiaro ed evidente, quindi, che questo tweet “elettorale” faccia semplicemente schifo! Perché è il prodotto di un modo di fare politica che fa semplicemente schifo. Non è una questione di destra o di sinistra, fa semplicemente schifo e basta. Lo schifo non risolve i problemi del Paese. Lo schifo illude il popolo e fa avere un meraviglioso stipendio, e poi un’ottima pensione, a chi lo crea.