Input your search keywords and press Enter.

L’annuncio dell’OMS: “In Africa è stata sconfitta la poliomelite selvaggia”

La Commissione per la certificazione regionale dell’Africa dell’OMS ha certificato l’Africa come libera dalla poliomelite dopo quattro anni senza aver rivelato neanche un caso. Con questo traguardo storico, cinque delle sei regioni dell’OMS – che rappresentano oltre il 90% della popolazione mondiale – sono ora libere dal poliovirus selvaggio, avvicinando il mondo al raggiungimento dell’eradicazione globale della polio. Solo due paesi nel mondo continuano a vedere la trasmissione di poliovirus selvaggio: Pakistan e Afghanistan.

La Global Polio Eradication Initiative (GPEI) si congratula con i governi nazionali dei 47 paesi della regione africana dell’OMS per i risultati di oggi. A tal proposito ha dichiarato il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus:

La fine del virus della poliomielite selvaggia in Africa è una delle più grandi conquiste della sanità pubblica del nostro tempo e fornisce a tutti noi una potente ispirazione per portare a termine il lavoro di eradicazione della polio a livello globale. Ringrazio e mi congratulo con i governi, gli operatori sanitari, i volontari della comunità, i leader tradizionali e religiosi e i genitori di tutta la regione che hanno lavorato insieme per cacciare la polio selvaggia dall’Africa.

Una forte leadership e innovazione sono state fondamentali per fermare il poliovirus selvaggio nella regione. I paesi hanno coordinato con successo i loro sforzi per superare le principali sfide all’immunizzazione dei bambini, come gli alti livelli di movimento della popolazione, i conflitti e l’insicurezza che limitano l’accesso ai servizi sanitari e la capacità del virus di diffondersi rapidamente e viaggiare attraverso i confini. Inoltre, la continua generosità e l’impegno condiviso dei donatori – compresi i governi, il settore privato, le istituzioni multilaterali e le organizzazioni filantropiche – per realizzare un mondo libero dalla polio hanno contribuito a costruire l’infrastruttura che ha consentito alla regione africana di raggiungere più bambini che mai con la polio vaccini e sconfiggere la polio selvaggia.

Durante un anno impegnativo per la salute globale, la certificazione della regione africana come libera da poliovirus selvaggio è un segno di speranza e progresso che mostra cosa si può ottenere attraverso la collaborazione e la perseveranza – ha affermato il presidente del Rotary International, Holger Knaack – Dal 1996, quando Nelson Mandela si è unito al Rotary, alla Global Polio Eradication Initiative e ai governi della regione africana, abbiamo realizzato qualcosa di straordinario. La pietra miliare di oggi ci dice che l’eradicazione della polio è possibile, fintanto che il mondo resta impegnato a portare a termine il lavoro. Lavoriamo insieme per sfruttare le nostre energie collettive per superare le sfide rimanenti e mantenere la nostra promessa di un mondo libero dalla polio“.

Le risorse e le competenze utilizzate per eliminare la poliomielite selvaggia hanno contribuito in modo significativo alla salute pubblica dell’Africa e ai sistemi di risposta alle epidemie. Il programma contro la polio fornisce benefici sanitari di vasta portata alle comunità locali, dal sostegno alla risposta della regione africana al COVID-19 al rafforzamento dell’immunizzazione di routine contro altre malattie prevenibili con il vaccino. L’impegno costante per rafforzare l’immunizzazione e i sistemi sanitari nella regione africana è essenziale per proteggere i progressi contro la poliomielite selvaggia e per affrontare la diffusione del poliovirus derivato dal vaccino di tipo 2 (cVDPV2), presente in 16 paesi della regione. Tasche di bassa immunità significano che tali ceppi continuano a rappresentare una minaccia e il rischio è amplificato dalle interruzioni della vaccinazione a causa del COVID-19, che hanno reso le comunità più vulnerabili alle epidemie di cVDPV2.

La GPEI invita i paesi e i donatori a rimanere vigili contro tutte le forme di poliomielite. Fino a quando ogni ceppo non sarà sradicato in tutto il mondo, gli incredibili progressi compiuti contro la polio a livello globale saranno a rischio. Il successo della regione africana dell’OMS contro la poliomielite selvaggia ha dimostrato al mondo che sono possibili progressi contro alcune delle più grandi sfide sanitarie globali.