Input your search keywords and press Enter.

Nola, calcio a 5 Femminile: riparte l’ASD Progetto Nola

Nola – Futsal Femminile – Riparte anche quest’anno l’ASD Progetto Nola, unico team di calcio a 5 femminile della città di Nola, ormai al suo quarto anno di attività. Proprio in questi giorni si stanno tracciando le linee guida per la nuova stagione, nuovi collaboratori stanno accettando il progetto e nuove calciatrici si dovranno aggiungere al team.

 

La società sarà impegnata quest’anno in due competizioni, la serie C1 FIGC e il massimo campionato CSI, mentre è già partita la nuova stagione per quanto riguarda la scuola calcio, che fornirà le calciatrici per il campionato Juniores FIGC. L’allenatore della prima squadra sarà anche quest’anno Temistocle Tomaselli, stimato e famoso professionista nolano, mentre la juniores sarà affidata al giovane, ma già esperto, Giuseppe Abbruzzese, al quale gli è stato espressamente richiesto di coltivalre al meglio il talento delle giovani calciatrici che un giorno faranno parte della prima squadra; la direttrice sportiva sarà ancora l’espertissima Anna Mauro, vecchia gloria del calcio femminile nolano e napoletano. Obiettivo di quest’anno è sicuramente per patron Cassese e i suoi collaboratori il raggiungimento dei traguardi sfiorati negli anni successivi; appena un anno fa infatti la Coppa Campania è stata sfiorata, con la sconfitta in finale arrivata a Benevento contro la Salernitana per 3-2, ancora più brucianti sono le sconfitte arrivate nelle fasi finali del campionato CSI, quella in semifinale dell’anno scorso e quella in finale di due anni fa, entrambe perse ai rigori.

 

Non c’è tuttavia abbattimento per aver sfiorato così ambiti traguardi, c’è invece molto ottimismo ed entusiasmo per la nuova stagione, che si spera sia vincente e seguita dai nolani e dalle istituzioni. Per quanto riguarda le strutture invece, anno nuovo ma stessi problemi, le palestre scarseggiano o non vengono messe a disposizione velocemente; anche quest’anno il calcio a 5 femminile dovrà girovagare per i campetti privati della città bruniana, la società si affiderà infatti alle strutture private de “La Bombonera” e probabilmente usufruirà della palestra della scuola media di San Paolo Belsito.
La cultura del calcio a 5 femminile a Nola è ancora quasi sconosciuta, ci vorranno anni affinchè si possa arrivare a seguire nei palazzetti sportivi anche sport come il calcio a 5, così come succede in città già più abituate a certi panorami, come Marigliano. Con l’aiuto delle istituzioni e con il sempre maggior avvicinamento del pubblico all’ambiente calcistico femminile, tassello dopo tassello, anche Nola avrà una cultura sportiva completa a 360 gradi; il futuro è roseo, anzi è rosa.

di Nello Cassese