Input your search keywords and press Enter.

Nola: senzatetto e felice di esserlo? Dov’è la verita?

E’ un’annosa questione quella della donna senzatetto che sta coivolgendo la comunità nolana in questi giorni. In questa settimana vi stiamo parlando di Marcella, donna bulgara senzatetto che sta sopravvivendo grazie agli aiuti della comunità e delle associazioni di Nola. Proprio oggi l’associazione di volontari Nova Alba ha donato alla Civitas ben 50 litri di latte. La situazione però ad oggi appare ancora fumosa e poco chiara. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, presa visione del fatto che il Comune non si è espresso con comunicazioni ufficiali. Nonostante stamattina fosse prevista una riunione tra i responsabili comunali per decidere come comportarsi in merito alla questione, non è stata ancora manifestata una presa di posizione ufficiale dal Comune, mentra la donna stanotte ha dormito ancora sotto allo stesso portico.

Due giorni fa i servizi sociali erano intervenuti in aiuto della donna, portandola prima alla Caritas a mangiare e poi ad un istituto nel quale poteva dormire. Come stesso la donna aveva detto giorni fa, il Comune avrebbe dovuto portarla in un centro di San Giuseppe. Dal palazzo comunale fanno sapere che la donna è fuggita dal suddetto centro per ritornare in strada, facendo intendere ai servizi di non voler essere aiutata. Nola ha un dormitorio per senzatetto ma non può ospitare donne, quello di San Giuseppe invece è in ristrutturazione e ha trasferito il dormitorio a Somma Vesuviana, dove ci sono solo 20 posti e quelli femminili sono già occupati. La donna aveva fatto capire di aver trovato asilo da un’amica, mentre dal Comune riferiscono di averla portata ad una dimora dignitosa. In queste notti, facendo dei giri di perlustrazione per Nola, abbiamo riscontrato che la donna dormiva su di una panchina nei pressi della Piazzetta Immacolata oppure si riparava sempre sotto allo stesso portico. Altre segnalazioni di conferma ci sono arrivate dai cittadini,con tanto di foto.

Sulla base del fatto che il Comune di Nola non prende una posizione ufficiale e che la donna risulta ancora vivere per strada, nascono degli interrogativi. Come faceva questa donna a fuggire da un istituto, a piedi e senza conoscere le strade? E poi il Comune ha davvero fatto tutto il possibile? Ci siamo a tal proposito rivolti ad uno stimato avvocato professionista di Nola, il quale ci ha spiegato che nel caso in cui si presentasse un caso di incapacità di intendere e di volere, la donna dovrebbe essere portata necessariamente in un istituto a spese del Comune, facendo ricorso al TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio); nel caso in cui la donna, in piena condizione di lucidità, decida di non voler essera aiutata, il Comune non è obbligato ad agire. Ma chi ha deciso che questa donna è capace di intendere e di volere? Nessun giudice ha ancora preso in considerazione questo caso, nè il Comune ha mai chiamato il 118.

Non vogliamo fare polemica nè additare colpe, ma vogliamo che la situazione si risolva e che non venga messa in secondo piano, nessuno sa le condizioni di salute attuali della donna e non si deve correre il rischio che su quella panchina ci muoia. Proprio nel mese della donna organizzato dal Comune, è paradossale vederne una che dorme per strada. I tempi di Ponzio Pilato e del suo “me ne lavo le mani” sono lontani, ci piace parlare di una bella situazione di solidarietà della comunità, dell’ottimo lavoro della associazioni e degli interventi del Comune. E’ di questo quello di cui ci piacarebbe parlare, per questo ci auguriamo ancora una volta che la situazione venga risolta. E’ e sarebbe una vergogna per la città di Nola “ospitare” in questo modo una donna con delle difficoltà. D’altronde, chi vivrebbe senza un tetto e sarebbe felice di farlo?

di Nello Cassese

La foto ci è giunta grazie ad una segnalazione di un cittadino; ci scusiamo se può sembrare molto pesante come immagine ma abbiamo voluto farvi capire direttamente in che condizioni vive questa sfortunata donna.

 

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola.