Input your search keywords and press Enter.

Nola: il ministro Costa inaugura la nuova sede della Polizia Municipale

Stamattina, alle 10, è stata inaugurata la nuova sede del comando della Polizia Municipale di Nola intitolata alla memoria dell’ufficiale Michele Liguori, in servizio presso il comando di Acerra, morto per patologie tumorali nel 2014 a 59 anni. Michele Liguori era tenente del corpo della Polizia Municipale di Acerra, ma si potrebbe benissimo definire generale in pectore nella guerra nella città simbolo della Terra dei Fuochi contro le discariche abusive della camorra, inondate spesso dai rifiuti che le imprese del Nord portavano e portano ancora oggi al Sud. Michele Liguori iniziò a denunciare fino a quindici discariche abusive di rifiuti tossici. Una lotta difficile e impari contro l’altissimo inquinamento del suolo e dell’aria presente nel suo territorio, contiguo a quello del nolano.
Presenti alla cerimonia inaugurale il commissario prefettizio di Nola, dottoressa Anna Manganelli, e il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Il ministro, nel discorso inaugurale, ha fatto una dedica a uomini come Michele Liguori che ci sono, a volte in silenzio e a volte nell’ombra, e che lavorano anche nelle polizie locali. Ha proseguito nel discorso dicendo: “Il marchio Terra dei Fuochi non lo meritiamo, perché noi meritiamo altre cose: dobbiamo riconoscere il coraggio di chi ha combattuto la Terra dei Fuochi, e penso ai vari Michele Liguori e Roberto Mancini innanzitutto. Sono fonti di coraggio, grande coraggio. Perché in altre terre ci sono altre Terre dei Fuochi che però non sono state combattute come è stato fatto in questo territorio. È stato scoperto qualcosa che nessuno è stato in grado di scoperchiare prima. Sto scrivendo una norma che non chiamo Terra dei Fuochi, ma Terra Mia, ovvero il riappropriarsi delle nostre terre. Ci vuole una legge, starà poi al parlamento dibatterne. L’importante è che quel coraggio si trasformi in visione. Michele Liguori è il simbolo-speranza che quelle morti premature, quelle malattie non ci saranno più. Questo lo dobbiamo ai nostri figli e ai nostri nipoti”.
Oggi sono qui perché la Repubblica Italiana ha detto basta a tutto ciò – ha continuato il Ministro – Invito tutti i cittadini ad essere presenti al dibattito parlamentare, li spingo a guardare il dibattito parlamentare, perché chi è in Parlamento rappresenta i cittadini. Le nostre generazioni hanno fallito in quella che un tempo era chiamata Terra Felix“.
Annibale Pietro Napolitano

Classe '90, blogger dedito ai temi legati all'ambiente e alla società nel suo insieme. Appassionato di narrativa e cinema.