Input your search keywords and press Enter.

Nola: Il Movimento Piazza d’Armi si schiera con il Comune per la lotta all’inquinamento

Il Movimento Piazza d’Armi e l’amministrazione di Nola fianco a fianco per la partecipazione del Comune ad un Bando Horizon 2020 pubblicato dalla Commissione Europea: il bando ha l’obiettivo di ridurre l’effetto delle emissioni di gas inquinanti e migliorare la qualità dell’aria. Il Movimento ha proposto al Comune la partecipazione al bando internazionale e si è impegnato a coadiuvare l’Ente pubblico in questo cammino.

Il Comune di Nola, con l’approvazione della delibera di giunta del 10.02.2020, aderendo alla proposta del nostro Movimento e in piena sintonia con essocomunicano i responsabiliha dato la propria disponibilità alla partecipazione a un bando Europeo per un progetto finalizzato alla tutela ambientale della nostra amata città Bruniana. Con orgoglio rivendichiamo il risultato raggiunto, l’impegno paga. Nola avrà finalmente il risalto che merita, ma non per storiche citazioni o memorie, al contrario per un’iniziativa di livello europeo, per altro estremamente utile al territorio e a costo zero per le esigue casse comunali continua il MovimentoVa evidenziato come tutto ciò è stato reso possibile grazie alla dedizione e sacrificio di alcuni soci del Movimento e alla disponibilità e apertura mostrata dall’amministrazione Minieri, in particolare nella persona dell’assessore Scolavino, pronta a cogliere al volo questa splendida opportunità. Il progetto rappresenta materialmente l’esito di una collaborazione fra ente e associazioni che potrà continuare a dare molti frutti in futuro nel solco della trasparenza e sussidiarietà oggi come non mai importanti nell’ottica del perseguimento degli obiettivi istituzionali. Noi del Movimento Piazza d’Armi continueremo così”.

Entrando più nel dettaglio, il progetto risponde al seguente Bando: Call LC-CLA-11-2020: https://ec.europa.eu/…/opportu…/topic-details/lc-cla-11-2020. Ha l’obiettivo di sviluppare e testare delle NBS (Nature-Based Solutions) e relativi strumenti per la pianificazione, valutazione e implementazione degli interventi volti ad affrontare problematiche riguardanti la riduzione delle emissioni di gas serra e, più in generale, miglioramento della qualità dell’aria. Il Movimento Piazza D’Armi, in collaborazione con la società R2M Solutions, già da qualche anno impegnata in un altro progetto H2020 sulle NBS (Nature4Cities) insieme a città Metropolitana di Milano, coadiuverà il Comune di Nola in questa nuova avventura.

Il Movimento Piazza D’Armi ha avuto un ruolo chiave nella individuazione del Bando e nella fattiva proposta all’Amministrazione Comunale e coadiuverà il Comune come corrispondente tecnicofanno sapere i membri del Movimento – l’amministrazione comunale si è mostrata sin da subito interessata alla partecipazione e dopo vari incontri in cui sono stati chiariti prevalentemente gli aspetti di tipo finanziario (la partecipazione del Comune è finanziata al 100% dalla Commissione Europea), il Movimento Piazza d’Armi ha ottenuto il via libera alla introduzione del Comune di Nola nell’idea progettuale a cui, tra l’altro, prenderanno parte varie università europee, il CNR ed ulteriori città Italiane e non. La prospettiva di avere Nola come partner del progetto H2020 darà una visibilità internazionale al nostro Comune ed alla nostra Città toccando tematiche particolarmente interessanti quali quelle relative alla qualità dell’aria e degli aspetti di riqualificazione urbana sostenibile che da tempo il Movimento Piazza D’Armi persegue.

Per la Municipalità di Nola si cercherà di prevedere l’installazione di una stazione di monitoraggio della qualità dell’aria utilizzando in modo proficuo le tecnologie IoT (Internet of Things), che spesso aiutano a risolvere problemi e rendono le nostre città più smart e vivibili. Il sistema, completamente naturale (NBS: Nature Based Solution), sarà in grado di abbattere tonnellate di anidride carbonica l’anno riducendo gli effetti dannosi creati da PM10, PM2.5, ossido nitroso, ozono e particolato. Ciò potrebbe consentire di limitare le emissioni di gas a effetto serra, che sono molto presenti nelle aree urbane, migliorando la qualità dell’aria e di vita dei cittadini.