Input your search keywords and press Enter.

Nola: la Procura dissequestra temporaneamente gli alberi della Villa

Importanti risvolti stamattina riguardo l’annosa questione della Villa Comunale di Nola, chiusa ormai da più di un anno. La Procura della Repubblica di Nola ha infatti approvato il piano di protezione e sviluppo della Villa presentato dal Comune, provvedendo a dissequestrare temporaneamente gli alberi del parco cittadino. L’amministrazione  comunale potrà ora dare luogo agli interventi che consentiranno l’apertura del parco dove i cittadini potranno così recarsi senza correre pericoli, una volta completate le procedure necessarie.

A determinare la situazione, infatti, il nubifragio del mese di giugno del 2015, quando l’amministrazione comunale dispose la verifica dello stato di salute degli alberi della Villa comunale per preservare l’incolumità della comunità. In quell’occasione emerse dalla perizia comunale una situazione praticamente disastrosa. Ventiquattro gli esemplari da abbattere, tra i quali anche il monumentale cipresso di Montezuma. Furono effettuati altri esami specifici, sollecitati anche dal Forum Ambiente Area Nolana, che confermarono quanto emerso dalla perizia che fu poi anche al centro del lavoro di un tavolo tecnico composto dai docenti del dipartimento di Agraria della Federico II di Napoli e dai rappresentanti locali delle associazioni ambientaliste. Anche in questo caso arrivò la conferma: quegli alberi costituivano un serio pericolo per la salute delle persone. Perfino una perizia di parte, commissionata ad Andrea Maroé da parte di un’associazione cittadina, certificava lo stato di pericolo delle piante, compreso il Montezuma, sollecitando però per quest’ultimo prezioso esemplare, la possibilità di preservarlo con il ricorso a soluzioni meno drastiche. Parallelamente all’avvio delle procedure per la messa in sicurezza della villa comunale furono presentate una serie di denunce all’autorità giudiziaria da parte di alcuni gruppi di cittadini ed associazioni che comportarono il provvedimento di sequestro cautelativo degli alberi da parte della Procura di Nola, che invita comunque chi di dovere a curare il patrimonio arboreo della Villa e a portare avanti una corretta manutenzione del parco.

“Finalmente – dichiara il sindaco di Nola Geremia Biancardi – mettiamo la parola fine ai danni irreversibili provocati alla Villa comunale dall’approssimazione e dall’assoluta mancanza di progetti di gestione da parte delle amministrazioni che nei decenni ci hanno preceduti”.

Molto soddisfatta e fiduciosa l’amministrazione comunale, di altro avviso invece una buona fetta della popolazione nolana, che ormai da mesi naviga nell’assoluta fumosità delle comunicazioni e nel dubbio. Durante il giugno nolano, storicamente, molte amministrazioni hanno fatto segnare un numero record di provvedimenti “felici” per la comunità, anche la riapertura della Villa cadrà in questo periodo? Quando potrà essere riaperta? Sicuramente quando chi guida la città bruniana reputerà che la fruizione del parco cittadino non crei danni alla salute pubblica. Non resta che aspettare, tuttavia sono arrivati piccoli segnali positivi per tutti quei cittadini che bramano di ritornare a camminare nel verde nolano, aspettando la riapertura di un parco cittadino dal valore elevatissimo.