Input your search keywords and press Enter.

Nola: il dramma degli studenti del Masullo. Uno sciopero per combattere i topi

3 giorni di banchi vuoti, 3 giorni di cori e 3 giorni di proteste. Il Masullo-Theti è deserto, i suoi alunni per le strade a gridare “la pulizia costa poco, ma vale molto”. Alla base dello sciopero, infatti, ci sarebbe una motivazione igienico-sanitaria: famiglie di topi gironzolano per i corridoi da giorni ormai ed un’efficace derattizzazione non è stata ancora fatta. Già da settimane gli studenti avevano fatto notare il problema al consiglio d’istituto che aveva riempito l’edificio di trappole anti ratti. Dopo alcuni giorni le trappole erano ancora lì, così come i topi, così come gli studenti che hanno richiesto due giorni di pausa per far derattizzare la zona. A quanto pare, il consiglio con una circolare passata tra le aule avrebbe invitato gli studenti a continuare le lezioni poichè i provvedimenti erano stati presi. Dopo molte foto e molti video, i ragazzi hanno deciso infine di lasciare i propri banchi e di scendere in piazza per protestare. Lo sciopero continuerà fino a che non verrà fatta un’accurata derattizzazione e i banchi potranno ospitare solo gli studenti, visto che i topi in una scuola sono da considerarsi, almeno in una società civile, ospiti sgraditi.

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola.