Input your search keywords and press Enter.

Nola: giornata di prevenzione urologica con i Giovani Medici

La prevenzione come cura. Da sempre questo diktat è un perno fondamentale del programma di attività che contraddistingue la “giovane” Associazione dei Giovani Medici della Città Metropolitana di Napoli. Una filosofia che i professionisti dell’associazione hanno deciso di diffondere stando in strada, nelle piazze, a contatto con la gente. Tanti i comuni che sono stati protagonisti di questo calendario di screening gratuiti. Sorrento, Liveri, Napoli, San Paolo Bel Sito, Saviano, e ora anche Nola.

La città bruniana domenica 12 novembre è stata infatti sede dell’ultima giornata dedicata alla prevenzione organizzata dai Giovani Medici, in collaborazione con il Rotaract Club Nola – Pomigliano e con il patrocinio del Comune di Nola. Presenti per l’amministrazione comunale il consigliere dott.ssa Ines Miccio, l’assessore avv. Carmela De Stefano, l’avv. Francesco Iovino in rappresentanza della città metropolitana di Napoli. A bordo del camper attrezzato offerto all’associazione dal CML Vesuvio del dottor Giuseppe Cascone, una considerevole affluenza di cittadini si è affidato alla professionalità dei giovani dottori dell’associazione domenica dalle 9 alle 14. Screening dedicato alla prevenzione urologica, tema della giornata sono state infatti le malattie prostatiche e, in generale, la cura e il benessere relativi alla salute andrologica.

Sono molto felice della riuscita di questa giornata – ha affermato il dott. Mauro Fedele, presidente dell’Associazione dei Giovani Medici della Città Metropolitana di Napoli – Abbiamo cercato di portare, nel vero senso della parola, l’urologo in piazza. E’ stato questo, a parer mio, uno dei più importanti obiettivi che abbiamo raggiunto domenica: avvicinare il paziente all’urologo, contrastando in parte quella resistenza sociale che spesso contraddistingue queste cure. Se analizziamo i dati, infatti, gli uomini hanno ancora tanto da imparare in riferimento alla cura andrologica. Ecco perchè la prevenzione diventa di vitale importanza. Giornate come queste hanno una grande valenza, sia dal punto di vista culturale e sociale che dal punto di vista medico.”

Anche il dott. Marco Franco, AIF presso il reparto di Urologia della Federico II di Napoli, pone l’accento sull’importanza della prevenzione in campo urologico: “ La giornata di domenica 12 è stata a mio avviso un vero successo. Gli obiettivi che ci poniamo come associazione, di cui sono fiero di far parte, sono stati raggiunti. Abbiamo posto sia in evidenza la necessità di prevenzione in campo uroandrologico, coinvolgendo direttamente i cittadini, sempre schivi quando si tratta di prevenzione, sia abbiamo interagito con le istituzioni che in tal modo vengono sensibilizzate ad una partecipazione più attiva alla salute pubblica 

Secondo i dati, sono circa 12 milioni gli italiani che rinunciano alle cure poichè non hanno il denaro sufficiente (fonte: settimo rapporto Censis). Ecco perchè iniziative come queste hanno una valenza più importante di quel che si possa immaginare, ecco perchè in questo periodo storico le amministrazioni comunali potrebbero sfruttare ed incentivare in maniera più attiva programmi del genere. La giornata dedicata alla prevenzione appena trascorsa a Nola è stata solo il primo appuntamento dedicato alla città bruniana, il prossimo è infatti fissato per il 10 dicembre e l’attenzione sarà posta sulle malattie cardiovascolari e metaboliche.

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola. Collabora come inviato sportivo per Il Giornale di Sicilia e come speaker radiofonico per Radio Antenna Campania.