Input your search keywords and press Enter.

Nola, rubavano auto al Vulcano Buono con “il cavallo di ritorno”: 4 arresti

Nella mattinata del 30 giugno, su indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Nola, i Carabinieri della Stazione di San Vitaliano hanno dato esecuzione ad una ordinanza cautelare con la quale sono state applicate la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di due indagati e, rispettivamente, la misura degli arresti domiciliari e quella del divieto di dimora nel Comune di Nola nei confronti di altri due concorrenti.

I 4, tra novembre 2019 e marzo 2020, si sono resi responsabili, a vario titolo, di estorsioni col “metodo del cavallo di ritorno, di furti aggravati e di ricettazione di veicoli. La complessa attività investigativa ha permesso di fotografare, grazie all’esecuzione di mirati servizi di osservazione e pedinamento, al monitoraggio delle utenze ed all’acquisizione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza urbana, il modus operandi dei concorrenti.
Ed invero, in tempi record, riuscivano a compiere furti di auto in strada e nei parcheggi del centro commerciale Vulcano Buono di Nola, occultandoli mediante la collaborazione di altri soggetti, e formulavano la successiva richiesta di denaro (dai 250 ai 2.500 euro) per la restituzione del mezzo alle vittime.

L’indagine è stata infatti denominata Hi Tech Thieves, in quanto i furti venivano effettuati mediante l’illecito utilizzo di centraline clonate che garantivano la perfetta duplicazione dei sistemi elettronici di accensione degli automezzi, per mezzo della porta “On Board Diagnostic”, in soli sessanta secondi. Numerosi sono gli episodi accertati. L’operazione odierna costituisce un ulteriore risultato positivo raggiungo dall’Autorità Giudiziaria e dai Carabinieri impegnati quotidianamente nella repressione dei reati predatori nell’area nolana.