Input your search keywords and press Enter.

Nola: centro storico tra criticità e speranze di ripresa

Progetti, polemiche, impegno e spirito di rinnovo. Sono gli ingredienti di un frullato che ha per nome “centro storico”. A Nola, si sa, la velocità non è proprio una delle qualità rpimarie per quanto riguarda la res publica. Emblema di questa teoria è il centro storico della città, stretto tra le polemiche di chi lo vede come casa di un commercio morto e le difficoltà di chi deve controllare un afflusso così ampio di giovani durante la movida nei weekend. In circa due anni il nucleo cittadino ha avuto un’evoluzione che forse pochi avevano programmato e, ovviamente, sono arrivate in ritardo anche le prime manovre di regolamentazione. Anche se mancano ancora servizi igienici pubblici ed un costante servizio di sicurezza, l’amministrazione ha cominciato a regolarizzare alcune criticità, quali ad esempio la questione traffico e la questione parcheggio, istituendo un parcheggio a pagamento nell’ex mercato ortofrutticolo e installando paletti urbani per evitare parcheggi selvaggi (il tutto non senza ricevere polemiche). Ma è bastato? C’è altro da fare? La risposta è, ovviamente, si. Un centro importante come quello nolano non può che essere organizzato nel dettaglio e per farlo bisogna che gli attori del commercio e della movida vengano inclusi in questo progetto di crescita, diventandone parte attiva e non solo passiva.

In questo senso si sta muovendo già da tempo il Movimento 5 Stelle nolano che, già nel 21 febbraio 2016, ha presentato in piazza alla cittadinanza una prima lista di proposte per collaborare al processo di rinascita del centro storico. In questi giorni hanno inoltre postato un video contenente interviste ai commercianti locali, i quali esprimevano la loro opinione al riguardo. Tra le proposte:

  • Sgravi fiscali per i commercianti del centro cittadino e, nello specifico, un contributo per ogni singolo commerciante in crisi che copra il 50% dell’ammontare dei tributi comunali.
  • Creazione di un fondo comunale per il commercio, in modo da essere un aiuto economico ai commercianti in crisi per la ripresa economica della propria attività
  • Elaborazione ed attuazione di un programma di eventi culturali e artistici che copra tutto l’anno, da svolgersi nei fine settimana, in modo da invogliare di nuovo la cittadinanza all’acquisto dei prodotti dell’artigianato locale
  • Incentivare il franchising, ovvero “grandi firme”
  • Biciclette per la città nella zona del centro storico
  • Navette urbane, attive almeno due volte al giorno, per consentire a chi non è in grado di guidare di raggiungere ugualmente Nola
  • Intrattenimento con animatori e giochi per bambini nel centro storico nei weekend
  • Revocare l’apertura domenicale per i grossi centri commerciali
  • Istituzione di un tavolo permanente di concertazione sul commercio, attorno al quale si dovranno sedere i rappresentanti dell’Ente Comunale, delle associazioni di categoria, la Confcommercio, la Confesercenti e i rappresentanti dell’associazioni dei proprietari di immobili dati in affitto per uso commerciale
  • Incentivare il collaborazionismo dei negozianti per contrastare il diffondersi dei grandi centri commerciali

La lista delle proposte pentastellate è ancora incompleta e molte altre idee, che possano essere frutto della mente di politici, professionisti, commercianti o semplici cittadini, sono in attesa di essere inserite. Tra luci ed ombre, sia di giorno che di notte, il centro storico aspetta di rivivere la sua passata bellezza.

 

il link delle video interviste degli attivisti del M5S nolano ai commercianti della città:

 

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola. Collabora come inviato sportivo per Il Giornale di Sicilia e come speaker radiofonico per Radio Antenna Campania.