Input your search keywords and press Enter.

Nola 1925: Stoia e Capasso sono gli unici confermati della scorsa stagione

Raffaele Stoia e Bruno Capasso vengono confermati nei ranghi del Nola 1925 anche per questa stagione di D. I due giovanihanno sorpreso tutti nella loro prima annata in bianconero e si sono guadagnati la riconferma. L’attaccante classe ‘98, nel suo ultimo anno da under, ha trovato molto spazio ed è stato spesso decisivo; il portiere classe 2000, nonostante due infortuni seri, ha lasciato intravedere enormi potenzialità (i tifosi nolani ricordano ancora la sua incredibile parata allo Squitieri di Sarno).

Capasso potrebbe essere l’erede di Gragnaniello. I legamenti del ginocchio hanno impedito al Nola di godersi appieno il talento di Bruno Capasso, in particolare nel finale della passata stagione, quando gli acciacchi di Gragnaniello lasciarono i bianconeri per diverse settimane senza il suo numero uno (eletto miglior portiere a fine stagione). Capasso ha affermato:

Conosco già l’ambiente e le persone che ne fanno parte, professionisti seri e con una grande esperienza nel calcio. L’anno scorso ho avuto qualche incidente di percorso, ma porterò sempre con me gli insegnamenti di Raffaele Gragnaniello, che sicuramente saranno utili nelle mia carriera. Ho tanta voglia di fare bene conclude Bruno e dare il massimo per ripagare la fiducia della società e dare tante soddisfazione ai nostri tifosi.

Per Raffaele Stoia invece dovrà essere l’anno della maturità. Non ci saranno infatti più “corsie preferenziali” per Stoia, classe ’98, al suo primo anno da “over”. Nonostante tutto, il Nola ha deciso di puntare ancora su di lui, a conferma dell’ottima impressione destata nella stagione d’esordio. Stoia, soddisfatto, ha affermato:

Questo per me è molto importante so che sarà una grande opportunità e voglio sfruttarla al massimo. L’obiettivo personale è sicuramente quello di migliorare i miei numeri. Con mister Esposito mi trovo bene; a differenza dello scorso anno per il cambiamento di modulo non potrò giocare nello stesso ruolo ma questo non è importante, a seconda del posizionamento in campo del mister cercherò sempre di dare il massimo.