Input your search keywords and press Enter.

Nasce in Italia la prima marijuana “legale”

La politica cincischia, da anni si parla di affrontare il tema della liberalizzazione e legalizzazione delle droghe leggere, senza però arrivare mai ad un nulla di fatto. C’è però chi ha aggirato il problema, mettendo in vendita una versione “light” della marijuana. L’idea è venuta all’azienda emiliana Easyjoint. La possibilità nasce dal fatto che in Italia la legge stabilisce un limite minimo di THC pari allo 0,6% per la definizione della marijuana come droga. L’Easyjoint commercerà una varietà di pianta, l’Eletta Campana, con valore di THC inferiore a questa soglia. Inoltre la principale caratteristica di questa pianta sta nell’alto contenuto di cannabidiolo, una sostanza con effetti sedativi, quindi particolarmente indicata come antidolorifico o semplicemente per chiunque voglia rilassarsi. Si tratta quindi di un’idea che in qualche modo ricorda quella delle birre analcoliche. Una soluzione originale e legale che nei primi giorni dal lancio appare riscuotere anche discreto successo commerciale.

Marco Sigillo

Classe 1991, laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazioni all’Università Federico II di Napoli. Appassionato di comunicazione e scrittura, collabora con 081news dal dicembre 2015, interessandosi soprattutto di temi di portata nazionale ed internazionale. Giornalista pubblicista dal 2019.