Input your search keywords and press Enter.

Napoli: rompe bicchiere in faccia all’autista per il ritardo del bus

Un altro autista Anm è stato aggredito a Napol, allungando così la lista dei conducenti del pubblico trasporto vittime di violenza gratuita. Il fatto risale alla settimana scorsa intorno alle 22:30 quando un uomo, nei pressi dello stazionamento degli autobus di Piazzale Tecchio nel quartiere Fuorigrotta, spazientito dall’attesa della partenza del mezzo ha seguito il dipendente Anm all’interno di un bar a pochi passi dal bus e con violenza inaudita gli ha prima spaccato un bicchiere di vetro sul volto e poi l’ha colpito con un pugno. Ora l’autista è in convalescenza con ancora ben visibili le ferite della colluttazione che gli ha provocato ben 30 punti di sutura e sfregi permanenti. L’aggressore, un uomo di 55 anni affetto da una sindrome psicosi-depressiva che era stato in cura fino a qualche mese fa presso una struttura specializzata, è stato già processato per direttissima e ha patteggiato 8 mesi di reclusione da scontare ai domiciliari.

 

di Vincenzo Persico