Input your search keywords and press Enter.

Coronavirus, Napoli: carabinieri in soccorso di scuole e mense per poveri

Continuano i servizi di controllo dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli per evitare assembramenti, questa mattina anche con il supporto in volo dell’elicottero del 7° Nucleo Elicotteristi di Pontecagnano. Particolare attenzione per le mense che garantiscono pasti ai più bisognosi e che prevedono la somministrazione di centinaia di pasti. Presso la mensa del centro di accoglienza “Elia Alleva” all’interno della basilica Santuario del Carmine Maggiore, i carabinieri della stazione di Borgoloreto hanno garantito l’ordine durante la fila che anticipa l’ingresso nei locali dove vengono serviti pasti: 700 quelli in distribuzione nella sola giornata del 29 marzo. I militari, oltre a garantire assistenza durante l’afflusso e il deflusso dei cittadini più bisognosi, hanno realizzato delle strisce a terra per assicurare il necessario distanziamento tra le persone.

Sostegno però anche alle scuole. 25 alunni della scuola elementare “Eduardo De Filippo” di Santa Maria La Carità erano impossibilitati a seguire le lezioni telematiche perché non dotati di computer. Il dirigente scolastico ha così pensato di fornire in comodato d’uso gratuito 25 notebook. Ma come consegnarli? Ad intervenire in supporto dell’istituto i Carabinieri della stazione di Sant’Antonio Abate che hanno recapitato a domicilio i portatili ai 25 studenti individuati. Enorme la riconoscenza della dirigente Dott.ssa Gilda Esposito che in una lettera indirizzata ai militari e a tutta l’Arma dei Carabinieri scrive:

Nella giornata del 31 marzo la scuola ha trovato al suo fianco, come sempre del resto, l’Arma dei Carabinieri, nella persona del comandante della stazione dei carabinieri di Sant’Antonio Abate, Giovanni Marchitelli. Nella difficoltà emergenziale del momento storico che tutti noi stiamo vivendo, i carabinieri della stazione di Sant’Antonio Abate si sono resi prontamente disponibili a consegnare a domicilio decine di devices messi a disposizione dalla scuola agli alunni sprovvisti. I militari sono stati a disposizione della scuola fino a tarda sera, impegnati nella missione che non solo ci ha aiutati a garantire il diritto allo studio dei minori, ma anchea donare un motivo di gioia e di entusiasmo ai nostri piccoli. A nome mio e di tutta la comunità scolastica che dirigo, delle alunne, degli alunni e di tutti genitori vanno i miei più sentiti ringraziamenti per la disponibilità e la vicinanza non solo inter-istituzionale, ma soprattutto umana.