Input your search keywords and press Enter.

Il mondo del cinema fa sentire la sua voce e grida alla censura!

E’ bufera sull’ultima decisione del Ministro per la salute Beatrice Lorenzin, che vuole presentare un progetto di legge che vieti il fumo non solo negli spazi aperti ma anche nelle fiction e film  italiani

Insorge il mondo del cinema che rivendica il ruolo dell’arte che non può paragonarsi alla vita reale.

Il cinema, come ogni forma d’espressione artistica non può essere vincolata da limiti, e inoltre il suo compito è di offrire una rappresentazione del reale con tutte le sue sfaccettature, libera da ogni imposizione moralistica.

Questo concetto è stato ribadito da molti attori, scrittori, registi, che attraverso le colonne di “Repubblica” hanno rivendicato il diritto dell’arte a non subire alcuna forma di censura.

L’appello contro il divieto di fumare nei film e nelle fiction è stato firmato da:

Niccolò Ammaniti, Francesca Archibugi, Roberto Cicutto, Umberto Contarello, Saverio Costanzo, Nicola Giuliano, Filippo Gravino, Daniele Lucchetti, Mario Martone, Andrea Molaioli, Antonio Monda, Enzo Monteleone, Gabriele Muccino, Domenico Procacci, Andrea Purgatori, Ludovica Rampoldi, Gabriele Salvatores, Paolo Sorrentino, Riccardo Tozzi, Paolo Virzì