Input your search keywords and press Enter.

7 curiosità su Matt LeBlanc, l’ex Joey di “Friends”

Alzi la mano chi non conosce Joey Tribbia… ehm, volevamo dire Matt LeBlanc. L’attore, divenuto celebre ai tempi di Friends, forse non riuscirà mai a slegarsi del tutto dalla sua seconda identità di Joey Tribbiani, benché la sua carriera non si sia affatto conclusa dopo la sitcom, proseguendo anzi con vari film di successo (Lost in Space – Perduti nello spazio, Charlie’s Angels e Charlie’s Angels – Più che mai) e progetti di varia natura, come la conduzione del programma automobilistico Top Gear. Oggi, a 52 anni suonati, lo ritroviamo piuttosto ingrigito e appesantito, ma con lo stesso identico sorriso che sfoggiava negli anni Novanta e Duemila sul set di Friends. Stiano attente le belle signore, perché potrebbe ancora farle cadere come pere cotte col suo iconico “how you doin’?

E se volete sapere qualcosa di più sul simpaticissimo Matt, eccovi sette gustose curiosità:

1. 11$ SUL CONTO A quanto pare, le finanze di Matt LeBlanc erano completamente disastrate prima di Friends. È lo stesso attore a raccontarlo in una recente intervista al famoso talk show di Conan O’Brien: «Prima di avere successo con Friends ero completamente al verde. Hai presente quando pensi: “Va bene, ho un po’ di soldi in banca, posso resistere fino al prossimo ingaggio”? Ecco, io ero arrivato ad avere 11 dollari sul conto. Avevo anche pensato di cercare lavoro come cameriere, ma con 11 dollari non ce l’avrei fatta a tirare avanti fino al giorno di paga. Sarei morto di fame». L’attore ha poi raccontato che il fotografo del suo book di presentazione ai casting, avendo notato che LeBlanc aveva un incisivo più lungo dell’altro, gli aveva consigliato di andare dal dentista per risolvere l’inestetismo. Ma il dentista, racconta sempre LeBlanc, voleva 80 dollari per l’operazione di limatura. L’attore si recò allora in farmacia, comprò tre confezioni di limette per unghie e pareggiò l’incisivo da solo. Il fotografo, rivedendolo successivamente, pare abbia esclamato: «Sai, hanno fatto davvero un ottimo lavoro!»

2. I LOVE RACHEL In un’intervista rilasciata per l’uscita del libro Friends …’Til the End: The One with All Ten Years (2004), Matt LeBlanc ha confessato che all’inizio delle riprese della sitcom aveva preso una brutta cotta per Jennifer Aniston. Possiamo capirlo: del resto, chi di noi all’epoca non era innamorato di Rachel?

3. UNO SPIN-OFF POCO FORTUNATO Nell’autunno 2004, sei mesi dopo la fine di Friends, Matt LaBlanc divenne protagonista di uno spin-off dedicato al suo personaggio, intitolato per l’appunto Joey. Il progetto aveva tutte le carte in regola per essere uno spin-off di successo: tanto per cominciare, nasceva dalla sitcom più amata del momento (e forse di sempre), riprendendone uno dei personaggi più divertenti e conservandone buona parte del cast tecnico e direttivo. Tuttavia, il nuovo progetto si mostrò incapace di replicare lo stesso livello qualitativo di Friends e Joey, sradicato dal suo contesto originario, senza i suoi amici, divenne un personaggio caricaturale, meno spontaneo e in definitiva privo di verve. Fu così che, visti gli indici d’ascolto in costante calo, nel 2006, dopo sole due stagioni, la NBC annunciò la chiusura definita dello show. A proposito dello spin-off, LeBlanc in un’intervista ha dichiarato: «La pressione era enorme. Non potevo sostenere da solo il peso che precedentemente gravava sulle spalle di sei persone. Ad ogni modo, penso sia stato un buono show. Sul serio. Era Friends? No, assolutamente, niente sarebbe mai stato come Friends. Ma sono fiero di quel che ho fatto».

4. ESAURIMENTO NERVOSO Dopo la conclusione di Friends, LeBlanc dovette affrontare un periodo particolarmente difficile: un matrimonio traballante che di lì a poco si sarebbe completamente sfasciato; la figlia, Marina Pearl LeBlanc, nata affetta da displasia corticale, un’anomalia congenita che causa ritardo nello sviluppo ed epilessia; lo spin-off Joey che non aveva riscosso il successo sperato ed era stato cestinato anzitempo. Il peso di questi malaugurati eventi portò l’attore sull’orlo di una grave crisi di nervi e a un successivo isolamento dal mondo, come lui stesso ha raccontato in una recente intervista: «Per molti anni a malapena uscivo da casa. Ero esaurito. Non sopportavo di avere appuntamenti, non volevo andare da nessuna parte. Del resto potevo permettermelo. Molti attori chiamano il loro agente per sapere se ci sono novità. Io lo chiamai per dirgli: “Per favore, dimentica il mio numero per qualche anno”. Fu un periodo buio per me».

5. OTTIMO COME PADRE… Nel 2004 LeBlanc ha avuto una figlia con l’attrice e modella Melissa McKnight, con cui allora era sposato. E, anche se a noi risulta difficile immaginare l’ex Joey Tribbiani nel ruolo di padre, pare invece che LeBlanc sia un genitore piuttosto attento e premuroso. A proposito della figlia, l’attore ha dichiarato: «Facciamo colazione insieme, andiamo a cavallo, facciamo lunghe escursioni. Provo a compensare il fatto che questa sia l’epoca dei computer facendo trascorrere a mia figlia più tempo possibile fuori di casa. Passare del tempo con lei è la cosa più bella che io abbia mai fatto. Abbiamo un legame fortissimo. È la migliore cosa della mia vita».

Matt LeBlanc and Melissa McKnight

6. …UN PO’ MENO COME MARITO Nel 2005 LeBlanc si è scusato pubblicamente con la moglie per una tresca avuta con una spogliarellista durante una vacanza nella Columbia Britannica. Le scuse però non sono bastate e il suo matrimonio con Melissa McKnight è arrivato al capolinea pochi mesi dopo, con la separazione all’inizio del 2006 e poi il divorzio, per la cui causa peraltro l’attore ha preferito difendersi da solo, rinunciando a un avvocato.

7. INVECCHIARE FA SCHIFO A proposito del tempo che passa e dell’età che avanza inesorabile, LeBlanc ha dichiarato candidamente e senza peli sulla lingua che invecchiare, semplicemente, fa schifo. Queste le sue parole da un’intervista del 2017 rilasciata in occasione del suo cinquantesimo compleanno: «Avere cinquant’anni fa schifo. Non c’è un modo di addolcire la cosa. Uno pensa: Gesù, che fine ha fatto tutto il tempo?… Mi sento ancora come se ne avessi appena compiuti 40». Stando ai suoi racconti, pare inoltre che una volta Le Blanc, camminando per strada, fu avvicinato da un ragazzo adolescente il quale gli disse: «Oddio, tu sei il papà di Joey Tribbiani!», suscitando l’ilarità dell’attore, che gli rispose: «Fila via! Questo è quello che dice un vecchio!», per poi allontanarsi ridendo.

Felice Sangermano

Classe 1986, appassionato di cinema e letteratura. Freelance blogger e scrittore. Autore preferito: Louis-Ferdinand Cèline. "Sono un po' più allegro di lui però" dice lui.