Input your search keywords and press Enter.

Da Nola all’America Latina a Napoli: alla scoperta di Mario Basile

Questa volta nella nostra rubrica musicale parliamo di un talento nolano, Mario Basile. Il suo talento musicale è iniziato a sbocciare sin da piccolo. All’età di dieci anni riesce ad entrare al conservatorio studiando percussioni e pianoforte; dopo essersi diplomato al conservatorio fa moltissime esperienze con le personalità più importanti della scena napoletana, come ad esempio Franco Ricciardi. In generale fino ai 25 anni è stato un musicista per poi lasciare l’Italia dando una svolta alla sua carriera. In America Latina ha prodotto il suo primo disco in spagnolo con una delle etichette più importanti del settore, la Planet Records. Mario Basile ha poi avuto l’occasione di cantare con i più grandi big del campo musicale della “salsa” che sono presenti in America Latina.

Lo scorso anno l’artista ha lanciato un disco con l’etichetta Mediterranea, l’album è in napoletano ma con le sonorità della musica latina ed è così che è nata la sua canzone “Core.” Nel mondo della musica napoletana ha portato una ventata d’aria fresca provando a fondere la musica napoletana con quella latina. Il suo ultimo singolo è “Vattenne” che è diventato un importante ballo di gruppo e che è stato suonato in moltissime balere in Italia, oltre a ricevere un boom di visualizzazioni su Youtube. Adesso Mario Basile si sta impegnando a descrivere e raccontare questo nuovo fenomeno musicale che sta provando a portare anche sul territorio con ottimi risultati. In futuro, ci confida, vorrebbe creare un talent show anche per i musicisti e non soltanto, come avviene oggi, per i cantanti.

Potete scoprire voi la musica di Mario Basile seguendolo sui social e ascoltando la sua musica ai link qui sotto!

Vattenne: https://www.youtube.com/watch?v=BL7nnJ1YJlU

Core: https://www.youtube.com/watch?v=E2gyjf0Xmxo

Mario Basile Instagram: https://www.instagram.com/mariobasileofficial/?hl=it

Mario Basile Facebook: https://www.facebook.com/mario.basile.7370

 

Francesco Amato

Classe 1998, studente di Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Salerno. Appassionato di musica, comunicazione digitale e giornalismo. Una frase che lo identifica? "Non si scrive perché si ha qualcosa da dire ma perché si ha voglia di dire qualcosa”