Input your search keywords and press Enter.

Italia unita contro il coronavirus: restrizioni estese a tutta la nazione

L’Italia deve essere unita contro l’emergenza coronavirus. Il Governo lo ha detto chiaramente ed accelera dopo i quasi 200 morti in 48 ore (463 in totale) e, probabilmente, dopo le scene di insensata movida viste in molte aree del Paese. Le restrizioni previste per la Lombardia ed altre province saranno estese a tutte le regioni, lo ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa nella serata del 9 marzo annunciando un nuovo provvedimento. Spostamenti ridotti al minimo, se non per comprovati motivi di lavoro o salute, stop a campionato di calcio e tutte le altre competizioni sportive, scuole chiuse fino al 3 aprile: l’Italia diventa tutta “zona rossa” per evitare un’escalation del contagio nelle prossime settimane.

I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva e sub intensiva e dei deceduti. Le nostre abitudini, quindi, vanno cambiate ora. Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito. E ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti