Input your search keywords and press Enter.

“Higuain rifiuta il rinnovo, in estate andrà via”: ira Napoli, botta e risposta con Bargiggia (Mediaset)

Botta e (doppia) risposta tra il Napoli e l’emittente televisiva Mediaset. Al centro della polemica un articolo, a firma di Paolo Bargiggia, in cui si annunciava l’imminente addio agli azzurri di Gonzalo Higuain dopo il rifiuto dell’argentino al rinnovo per altre due stagioni con adeguamento di stipendio.

Voce infondata, questa, che ha suscitato l’ira della dirigenza partenopea, che nella serata di ieri ha diffuso un comunicato ufficiale che recitava così: “Un servizio privo di veridicità e confezionato senza rispettare alcuna regola giornalistica, su tutte il controllo delle fonti. Non esiste, infatti, alcuna fonte che possa confermare quello che Bargiggia dice, e cioè il falso. In particolare che Higuain ha comunicato al Napoli di non voler rinnovare il contratto, che Aurelio De Laurentiis ne ha preso atto con rammarico, che il Napoli sta già cercando un suo sostituto e che si accontenterà di una cifra nettamente inferiore alla clausola, cioè lo svenderà. Mediaset è stata un’azienda importante e rivoluzionaria nel contesto giornalistico italiano: tempi, purtroppo, lontani. Tale approssimazione obbliga, pertanto, il Napoli a interrompere, a partire da subito, i rapporti giornalistici con le reti sportive Mediaset, alle quali, perciò, i nostri tesserati non rilasceranno più interviste, nemmeno allo stadio, a prescindere da qualsiasi accordo commerciale. Il Napoli e i suoi tifosi non temono i poteri forti e chi voglia destabilizzare un ambiente carico e sereno. Pretendono rispetto”.

La risposta non si è fatta attendere, ed è arrivata prima dalla stessa Mediaset (“non accettiamo le accuse rivolte al collega, la valutazione sul lavoro di Mediaset tantomeno l’insinuazione che si voglia destabilizzare l’ambiente rispondendo a poteri forti”) e poi da Paolo Bargiggia, ovvero il diretto interessato, che al Corriere dello Sport ha dichiarato: “Sono rimasto davvero sorpreso. La sproporzione, la durezza di questo comunicato è allarmante. Ho dato mandato al mio legale Giuseppe Beneroni di tutelarmi dal punto di vista legale, perché secondo me ci sono gli estremi per una diffamazione. Per non parlare della valanga di insulti e minacce che sto ricevendo da ieri, in particolare sul mio profilo twitter. Ho dovuto bloccare tantissime persone, e sicuramente in questi giorni non potrei girare tranquillamente a Napoli. Dall’altra parte la durezza di questo comunicato significa che ho fatto bene il mio lavoro, perché si capisce benissimo che Higuain rappresenta un nervo scoperto per De Laurentiis e la società. Se entro quest’estate non arriva il rinnovo dovranno fare le loro valutazioni, ma questo è un problema loro non mio. Io posso dire che nemmeno ai tempi di Calciopoli mi era capitata una cosa del genere”.

Fabio Tarantino

Giornalista e speaker, voce di Radio Punto Zero