Input your search keywords and press Enter.

Havana Club Selección de Maestros: la sapienza dei Maestri Roneri di Cuba

Oggi parleremo dell’Havana Club Selección de Maestros, tra le espressioni più interessanti del vasto range di Havana Club. I più giovani Añejo 3 Años  ed Añejo 7 Años, probabilmente il più conosciuto dell’intero range produttivo, vengono sovente impiegati nella miscelazione. Havana Club Selección de Maestros nasce come Rum premium in sostituzione del precedente “Barrel Proof” con cui condivide la gradazione alcolica e lo stesso metodo produttivo. L’invecchiamento non è specificato, il volume alcolico è del 45%, più alto rispetto agli imbottigliamenti più economici del range che si attestano al canonico 40%. Questo Rum, autentico cubano, nasce dalla collaborazione di tutti i Maestros Roneros, tra cui ovviamente non poteva mancare José Navarro, Primo Maestro di Havana Club. La distilleria considera questo rum il simbolo della sapienza collettiva dei Maestros Roneros Cubani. Il prodotto è ovviamente concepito come Rum da degustazione, per sdoganare l’idea che Havana Club produca solo prodotti da impiegare nei cocktail o, comunque, non particolarmente complessi.

L’Havana Club Selección de Maestros

NOTE DEGUSTATIVE

ASPETTO: Ambra in una tonalità che ricorda quella del Brandy, con riflessi rossastri.

OLFATTO: Piacevole sentore di noce moscata, si evolve con cacao e procede con un evidente ed intenso caffè. Note dolci di caramella al mou appaiono ben presenti, insieme alla delicata presenza di un sentore legnoso. Una leggera nota di tabacco, accompagnata a frutta secca tostata e cannella, chiude un olfatto che ricorda, in minima parte, quello di un buon Brandy.

PALATO: Caramello molto intenso, si distinguono nuovamente noce moscata e cannella, non mancano chiodi di garofano che arricchiscono ulteriormente il palato. Nuovamente tabacco, come in sede olfattiva, che dona al distillato una nota fumosa non molto marcata ma interessante e caratteristica. Tracce di marmellata d’arancia aiutano a stemperare la dolcezza iniziale e contribuiscono a realizzare un rum con un buon equilibrio.

FINALE : Mediamente lungo e discretamente intenso a base di fumo, caffè e frutta matura cotta, direi albicocche.

Havana Club Selección de Maestros è estremamente diverso dai prodotti più giovani della gamma, a tratti ricorda un Brandy ed è piuttosto complesso e ben equilibrato, indubbiamente interessante. Peraltro, ha un costo decisamente interessante e ciò sicuramente costituisce un surplus.

Alcune bottiglie di Havana Club

CENNI STORICI

Havana Club, di cui molti di voi avranno certamente già sentito parlare, fu creato come marchio nel 1878 da Josè Arechabala che usò il nome del celebre bar sito a L’Avana, capitale dello stato cubano. La distilleria rimase di proprietà della famiglia Arechabala fino al 1959 quando, in seguito alla rivoluzione castrista, i membri della famiglia emigrarono in Spagna e l’azienda venne statalizzata. Nel 1976, tre anni dopo la scadenza del brevetto, il marchio venne registrato dalla CubanaExport sia a Cuba che negli U.S.A. Dal 1993, i prodotti Havana Club vengono commercializzati dalla Havana Club International S.A., una joint venture tra la statale CubanaExport e il colosso francese Pernod Ricard. Tuttavia, sul marchio “Havana Club” esiste ancora oggi una controversia tra Havana Club International S.A. e il noto gigante Bacardi che afferma di aver acquistato i diritti sull’uso del marchio direttamente dalla famiglia Arechabala. Nel 2004 l’ufficio brevetti statunitense ha riconosciuto la partenità alla Havana Club International ma, a causa del severo embargo tuttora in vigore nei confronti di Cuba, la Bacardi è autorizzata a produrre, nella sua sede di Porto Rico, un rum marchiato Havana Club che viene commercializzato solo negli U.S.A. Il range produttivo comprende, oltre alle espressioni sopra citate, l’AÑEJO 15 AÑOS, il raro MÁXIMO EXTRA AÑEJO (tiratura annua di 1000 bottiglie) e l’esclusivo Tributo, un’edizione limitata annuale. Questi tre rum, unitamente al Selección de Maestros, costituiscono l’Icónica  Collection di Havana Club, concepita per esaltare la maestria dei Maestri Roneri Cubani.

 

 

Giuseppe Napolitano

Oltre all'immensa passione per il beverage, Giuseppe Napolitano è anche un avido lettore, amante del cinema, dei viaggi (non solo in ambito di ampliamento delle sue conoscenze sul tema beverage) e dell'informatica. E' impegnato nel sociale, essendo dapprima Socio del Rotaract Club Nola-Pomigliano d'Arco (di cui è oggi Socio Onorario, dopo un passato di affiliazione attiva) e, ora, Socio del Rotary Club omonimo. ha fatto parte della giuria del premio "Whisky & Lode" del Roma Whisky Festival, la kermesse romana dedicata interamente al Whisky. Non ultimo, il suo spazio è annoverato tra le risorse online consigliate in due testi (tradotti in Italiano), tra quelli di maggior interesse per gli appassionati: "Degustare il Whisky di Lew Bryson e "Guida Completa al Whisky di Malto" di Micheal Jackson.