Input your search keywords and press Enter.

Giornate Fai all’aperto: il 27 e 28 giugno 200 siti da riscoprire in Italia

Si è svolta nella mattinata del 23 giugno, alle ore 11, in collegamento streaming tramite la formula del webinar, la conferenza stampa del Fai Nazionale per la presentazione delle Giornate Fai all’aperto di sabato 27 e domenica 28 giugno 2020. Un centinaio, tra cui anche Zerottouno News, le redazioni collegate via web. Le visite, con un contributo di 3 euro per gli iscritti e di 5 euro per i non iscritti al Fai, sono solo su prenotazione online fino a esaurimento posti entro le ore 15 del prossimo venerdì 26 giugno. Sono previste visite guidate in oltre 200 luoghi straordinari in più di 150 località alla scoperta del patrimonio naturale arboreo, agronomico, rurale, paesaggistico e ambientale.

Tra gli interventi in conferenza stampa: Andrea Carandini, Presidente FAI; Marco Magnifico, Vicepresidente Esecutivo FAI; Daniela Bruno, Responsabile Affari Culturali FAI; Roberto Gueli, Rai Tgr; Michelangelo Pontecorvo, Gruppo Ferrarelle; Michelangelo Pistoletto, artista.

Tra i beni Fai rivelati in conferenza stampa che si potranno riscoprire e visitare ci sono anche quelli delle località più colpite dal Covid: Bergamo Alta e i Giardini di Palazzo Moroni (con apertura riservata proprio al personale medico e sanitario), la Villa del Balbaniello a Tremezzina (Como), la villa e collezione Panza (Varese) e il Castello di Masino a Caravino (Torino), solo per citare alcuni dei luoghi visitabili. Scendendo più a Sud abbiamo poi: l’Abbazia di Santa Maria di Cerrata (Lecce), il Bosco di San Francesco di Assisi (60 ettari donati al Fondo Ambientale Italiano circa dieci anni fa), il giardino Pantesco di Donnafugata nell’isola di Pantelleria (Sicilia).

Appartenenti al Patrimoni Fai e da poter riscoprire, ci saranno anche alberi monumentali, aree naturalistiche di flora e fauna, monumenti all’aperto nel paesaggio come Sulmona e Villaggio operaio Pirelli a Milano, musei d’Arte nella natura, itinerari e sentieri in città e fuori città, giardini storici privati (come quello dell’Arcadia a Milano), ma anche giardini urbani e orti botanici.

In Campania saranno visitabili (sempre dietro prenotazione obbligatoria): Masseria delle Sorgenti Ferrarelle a Riardo, in provincia di Caserta; villa Campolieto ad Ercolano (Napoli), molo San Vincenzo a Napoli, le Basiliche di Cimitile, Passeggiata Rione Terra a Pozzuoli, Villa Comunale di Salerno e la Cupola maiolicata della Chiesa della S.S. Annunziata sempre a Salerno. Accessibile anche la Passeggiata in bicicletta a Sant’Angelo a Piesco ( Benevento).

Il resto dei luoghi visitabili si può consultare nella lista dei luoghi aperti all’indirizzo fondoambiente.it.

Annibale Napolitano

Classe '90, dedito ai temi legati all'ambiente e alla società nel suo insieme. Ha fatto studi classici, è appassionato di narrativa e di cinema.