Input your search keywords and press Enter.

Nola, Festa dei Gigli: serata di beneficenza della Fondazione con Pippo Baudo

Dopo la conclusione della presentazione del manifesto della prossima Festa dei Gigli di Nola, svoltasi martedì 26 marzo presso la chiesa dei Santi Apostoli, si è tenuta a seguire, al Seminario Vescovile, la serata di beneficenza, in collaborazione con l’istituto professionale di Stato per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Carmine Russo” di Cicciano. Ad intervenire, oltre a Pippo Baudo, è stata anche l’eccezionale voce di Enrico Bernardo, accompagnato dal suo gruppo. Il ricavato è stato devoluto per sostenere il progetto della Caritas diocesana “Sartoria di valore: il lavoro che racconta storie”, rivolto a donne e famiglie in difficoltà che prevede la trasformazione di “scarti” tessili e di filati per un nuovo uso creativo.

Il manifesto della prossima edizione della Festa dei Gigli di Nola, ad opera di Lorenzo Manduca

Non è stato semplice scegliere l’elaborato finale – ha dichiarato don Lino D’Onofrio, vice presidente della Fondazione Festa dei Gigli – ormai siamo giunti al terzo anno di collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Napoli. I lavori dei ragazzi sono cresciuti tantissimo in qualità e forza comunicativa. Un ringraziamento di cuore va a tutti i partecipanti alle docenti, Ivana Gaeta e Daniela Pergreffi, e all’artista Vittorio Avella

Lavoriamo – ha aggiunto Lorenzo Vecchione, presidente della Fondazione Festa dei Gigli – affinché la Festa dei Gigli, dal 2013 inserita nel patrimonio immateriale dell’umanità, sia promossa sempre di più e sempre meglio sul piano nazionale ed internazionale, agganciandola ad eccellenze culturali e del mondo dello spettacolo”.

Pippo Baudo ringrazia la Fondazione Festa dei Gigli per il premio alla carriera ricevuto

Sono stato davvero contento di essere stato con voi – ha dichiarato Pippo Baudo – la vostra è una Festa importante e di grande valore. Ogni volta che guarderò questo Giglio mi ricorderò dell’amicizia e dell’affetto che voi tutti mi avete dimostrato”.