Input your search keywords and press Enter.

Festa dei Gigli di Nola, le linee guida: cosa si può fare e cosa è vietato

La Festa dei Gigli di Nola è stata ormai da diverso tempo annullata per via dell’emergenza coronavirus e in molti si sono chiesti cosa è permesso fare per celebrare San Paolino e non fermare il flusso culturale della sua millenaria Festa. Nelle scorse ore sono arrivate le linee guida della Fondazione Festa dei Gigli. Vediamo assieme cosa è permesso fare e cosa è vietato. Da sottolineare che le attività si svolgeranno osservando scrupolosamente le norme sul distanziamento sociale e sono il risultato di un’intermediazione con le forze dell’ordine. Se le limitazioni dovessero mutare, probabilmente, potranno essere aggiunte anche altre attività in modo estemporaneo sempre a patto che siano compatibili con la normativa vigente.

Iniziative ufficiali

Mostra fotografica e documentale, realizzata dall’associazione Contea Nolana, presso la sede della Fondazione Festa dei Gigli, in via Merliano (ex Convento di Santo Spirito). Sarà presente una sezione dedicata ai manufatti di cartapesta realizzati dal maestro Leopoldo Santaniello e ad antiche lastre fotografiche a cura di Ernesto Santaniello. Inoltre, ci sarà una mostra di strumenti artigianali forniti da Michele Talese.

– “Mostra dei mini Gigli” e di opere in cartapesta, promossa da Associazione “Amici di piazza D’Armi”, in collaborazione con artisti e cartapestai nolani. La location resta ancora da definire.

Arredo urbano a cura di cartapestai nolani o botteghe d’arte nolane, con manufatti in cartapesta con esempi storici di rivestimenti gigli e barca, in numero adeguato e ampiamente dislocate in modo da evitare assembramenti e focus attrattivi.

Attività da casa

Web contest “Balcone più bello: si potrà inviare alla mail della Fondazione Festa dei Gigli (info@fondazionefestadeigigli.it) fino al 20 giugno le foto del proprio balcone addobbato, pubblicate poi sulla pagina ufficiale e messe a votazione. Le prime tre che avranno più like riceveranno i seguenti premi: alla prima classificata andrà un San Paolino in miniatura, alla seconda una riproduzione di una Barca, alla terza la riproduzione di un Giglio.

Conferenza web sulla figura di San Paolino da promuovere sulla pagina Facebook della Fondazione Festa dei Gigli.

Web contest “Vota la foto più bella” – a partire dal 15 giugno – con il coinvolgimento dei fotografi nolani della Festa che potranno inviare la foto di repertorio che ritengono maggiormente opportuna per descrivere lo stato d’animo della nostra comunità, inviandola alla mail ufficiale (info@fondazionefestadeigigli.it). Anche in questo caso le foto saranno pubblicate contestualmente sulla nostra pagina Facebook e quella che avrà il maggior numero di like sarà decretata la vincitrice. L’autore riceverà una targa ricordo per aver contribuito in maniera significativa alla tutela della Festa anche in quest’anno così difficile.

E’ già in corso il web contest sul manifesto dell’Alter Festa (Festa Alternativa) in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti Napoli.

Cosa non è stato permesso

NO alla costruzione di un Giglio e di una Barca da posizionare in piazza – in piena sicurezza – per commemorare simbolicamente la mancata Festa.

NO alla filodiffusione in città per l’ascolto in alcune ore della giornata dei brani classici della Festa.

NO alla videoproduzione di qualunque immagine sulla facciata del Municipio.