Input your search keywords and press Enter.

Minaccia con benzina e pugni un imprenditore bengalese: arrestato 44enne a San Gennaro Vesuviano

Nella mattinata odierna i Carabinieri della Stazione di San Gennaro Vesuviano, all’esito di attività di indagine coordinate dalla Procura della Repubblica di Nola, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Nola nei controllli di M. B., classe ’76 pluripregiudicato, per il reato di tentata estorsione ai danni di S. U., cittadino bengalese dipendente di una sartoria del vesuviano.

I fatti risalgono allo scorso 13 agosto, allorquando, al fine di procurarsi indebitamente delle somme in denaro, dapprima minacciava verbalmente S.U. millantando una generica appartenenza a contesti mafiosi e la disponibilità di un’arma da fuoco, successivamente cospargeva di benzina alcune autovetture parcheggiate sulla pubblica via, colpendo la vittima, nonché altri connazionali bengalesi intervenuti in soccorso della stessa vittima, colpendoli con calci e pugni. M.B. desisteva dal suo proposito criminoso allontanandosi dal luogo e facendo perdere le proprie tracce solo grazie all’intervento di altre persone che avevano allertato le forze dell’ordine. I militari, giunti sul posto, ricostruivano la dinamica dei fatti, riscontrando la presenza di una bottiglietta in plastica emanante un forte odore di benzina e liquido infiammabile sull’asfalto.

A seguito delle indagini effettuate, delle precise dichiarazioni della vittima riscontrate dalle circostanze riferite dalle persone presenti ai fatti, oltre all’esito positivo dell’individuazione fotografica, consentivano di identificare quale autore della tentata estorsione M.B. che, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Napoli-Poggioreale. L’operazione odierna costituisce un ulteriore positivo risultato raggiunto dall’Autorità Giudiziaria e dai Carabinieri, impegnati quotidianamente a tutela della sicurezza dell’Area Nolana nelle attività volte al contrasto delle forme più insidiose di reati contro la persona e contro il patrimonio.