Input your search keywords and press Enter.

Nola: positivo al coronavirus il primario di Cardiologia dell’ospedale

Ancora un dottore di Nola positivo al coronavirus. È il secondo annuncio in quasi un giorno. Dopo la conferma della positività del dottor Eduardo Nava, direttore del Dipartimento di Farmacologia dell’ASL NA 3 Sud, è stata riscontrata la positività anche del dottor Luigi Caliendo, primario del reparto di Cardiologia all’ospedale di Nola. Ad oggi risultano 4 dottori dell’ASL NA 3 Sud positivi, 3 in servizio presso la sede di Nola (dott. Luigi Caliendo, dott. Carmine Sommese e dott. Eduardo Nava) ed uno a quella di Gargani (dott. Nicola Marrone). Questo il messaggio del dottor Caliendo:

Da qualche giorno sono in isolamento a casa per positività al tampone coronavirus, per fortuna fin adesso con una sintomatologia lieve. La mia attività di direttore della cardiologia di Nola e direttore del dipartimento area critica dell’Asl Na 3 Sud, che svolgo con impegno ed entusiasmo specie in questo periodo di grande difficoltà,mi ha portato evidentemente ad avere “contatto” con persone affette da coronav nell’ambiente ospedaliero , nonostante tutte precauzioni osservate. Sono state avvisate le autorità sanitarie e comunali. Pertanto chiunque abbia avuto negli ultimi 14 giorni contatti ravvicinati con il sottoscritto e presenta sintomi anche lievi (tosse, febbre etc) deve avvisare le autorità sanitarie tramite il medico di medicina generale. Nel ribadire la solita raccomandazione di stare a casa perché tutto sarà più facile, ringrazio tutti gli amici che in questo particolare momento mi stanno dando prova di grande affetto e soprattutto la mia amata famiglia che con grande sacrificio ed abnegazione è in isolamento precauzionale in una parte della mia casa. Un pensiero al mio gruppo della cardiologia di Nola che con grande professionalità in questo delicato momento continua l’impegno senza mai arretrare e per l’affetto e la stima che mi manifestano ogni giorno. Tutto finirà presto. Con affetto.

Nell’Agro Nolano il bilancio al 23 marzo è quindi di 2 positività a Nola, 1 a Cimitile, 1 a Palma Campania, 3 a Marigliano, 1 a San Vitaliano, 2 a Roccarainola, 1 a Visciano. In Lombardia è stato registrato il primo giorno in cui i contagi sono nettamente diminuiti. In Campania il picco, secondo quanto affermato dal governatore De Luca, il picco è previsto per metà aprile. Ad oggi risultano positivi in Campania 1026 persone (dato aggiornato al 23 marzo). I risultati si otterranno solo se tutti seguiranno le regole, proteggendo così le persone più a rischio e i medici e infermieri chiamati a curarci.