Input your search keywords and press Enter.

Coronavirus, Agro Nolano: il bollettino del 27 marzo

Ecco le notizie sul territorio dell’Agro Nolano riguardo i casi attestati di positività e le operazioni messe in atto dalle amministrazioni. I dati dipendono dalle comunicazioni rilasciate dai canali ufficiali amministrativi o sanitari.

  • 4 casi a Nola, tra cui il dottor Luigi Caliendo, primario di cardiologia all’ospedale di Nola. La città però oggi piange anche il prof. Maurizio Galderisi, docente alla Federico II e dottore napoletano che abitava però proprio a Nola. Da ieri sono attivi 3 numeri per richiedere la consegna a domicilio delle mascherine, al lavoro anche un’azienda di Nola che ha avuto la commessa di 1 milione di mascherine chirurgiche  dalla Regione per la Campania.
  • 4 casi a Marigliano, di cui 2 ospedalizzati, altre persone che hanno avvertito dei sintomi sono stati sottoposti a tampone. Il sindaco Carpino, nel frattempo, ha riaperto gli esercizi commerciali autorizzati anche di domenica, accogliendo l’indirizzo della Regione.
  • A Palma Campania 1 caso accertato che è in netta ripresa ed in attesa del tampone di ritorno per confermarne l’eventuale guarigione, finita la quarantena per le persone che vivono nel suo stesso edificio. Sospesi, nel frattempo, i pagamenti per i servizi scolastici.
  • 2 i casi di positività a Cimitile, pronta anche la consegna di mascherine alla cittadinanza, la cui distribuzione comincerà nella giornata del 28 marzo a partire dal Rione IACP.
  • 1 caso accertato a Roccarainola, ma fari puntatina che sui contatti del dottor Nicola Marrone dell’ASL di Gargani, risultato positivo e domiciliato a Tufino. Il sindaco, inoltre, ha fatto partire una maxi raccolta alimentare per le persone in difficoltà.
  • 2 casi a Saviano, ovvero il sindaco Carmine Sommese, ricoverato al Moscati, ed un 80enne gravemente malato e purtroppo deceduto (risultato positivo post mortem). Cominciate anche qui le consegne dei primi pacchi alimentari e arrivate nuove donazioni di mascherine: 300 da parte del Gruppo FB e 1000 dal Gruppo Carillo, aziende entrambe del CIS.
  • 1 caso di positività anche a Scisciano, dove l’amministrazione ha fatto partire due iniziative solidali in favore delle persone indigenti: il Pacco Sospeso ed il Coupon Solidale.
  • 1 caso di positività a San Vitaliano, ovvero il dottor Eduardo Nava (direttore del dipartimento Farmacologico dell’ASL all’ospedale di Nola), ma il sindaco nella giornata di oggi ha disposto la sorveglianza attiva domiciliare e l’isolamento per un’altra persona.
  • 1 caso di positività a Tufino (il dottor Marrone) e 19 in quarantena. Il Comune ha aumentato da 40 a 60 il numero dei pacchi alimentari, nella giornata del 28 marzo partirà la distribuzione delle mascherine.
  • 1 caso a Visciano.
  • Nessun caso di contagio comunicato a San Paolo Bel Sito, Casamarciano, Liveri, Mariglianella, Carbonara di Nola, Cicciano, Comiziano e Camposano, ma resta vivo l’impegno di queste amministrazioni per l’acquisto e distribuzione di mascherine, già cominciata ad esempio a San Paolo Bel Sito.

Oggi record di morti in Italia, oltre 900 i decessi e numeri in rialzo anche per i casi di positività. L’Istituto Superiore di Sanità, in ogni caso, riferisce di un trend leggermente in calo a partire dal 20 marzo ma sembra inevitabile la proroga delle restrizioni oltre il 3 aprile (primo termine fissato). In Campania si sfiorano i 100 morti, il governatore De Luca ha comunicato di aver attivato 10 laboratori in regione, tra cui quello di Nola, e che il picco dovrebbe arrivare nella prima settimana di aprile, quando saranno superati i 3000 contagi.