Input your search keywords and press Enter.

Infrante le restrizioni per il coronavirus: 23 denunce dei carabinieri in un solo giorno in provincia di Napoli

Ancora controlli a tappeto dei carabinieri del Comando Provinciale di Napoli per garantire il rispetto del provvedimento governativo necessario ad arginare l’epidemia da coronavirus. Ancora molte le infrazioni, il governatore De Luca ha nelle scorse ore chiesto formalmente al Governo l’uso dell’esercito in ausilio alle forze dell’ordine in strada.

Due le persone denunciate nel quartiere napoletano di Ponticelli dai militari della locale stazione. Titolari di un centro scommesse di Via Principe di Napoli, sono stati sorpresi in attività nonostante il divieto di apertura.

A Villaricca i carabinieri hanno denunciato 3 giovani di Marano perché sorpresi in un comune differente da quello di residenza senza un giustificato motivo.

Denunciato dai carabinieri di San Giuseppe Vesuviano un imprenditore del posto per non aver rispettato la norma che impone la chiusura dei ristoranti. 6 le persone denunciate dagli stessi militari e da quelli della stazione di Ottaviano perché fuori dal comune di residenza senza valido motivo.

7 le persone denunciate a Giugliano: i giovani stavano giocando a calcio in Via Colonne, nel parcheggio antistante la metropolitana.

A Monteruscello, all’esterno di un bar regolarmente chiuso, i carabinieri della stazione locale hanno sorpreso 3 persone a giocare a carte. Invitati a compilare la prevista autocertificazione, i tre si sono rifiutati e sono stati così denunciati.

Controlli anche a Torre del Greco: denunciato un 42enne di San Giorgio a Cremano, fermato durante un posto di controllo nel comune vesuviano. L’uomo non è stato in grado di fornire una spiegazione plausibile al suo spostamento.