Input your search keywords and press Enter.

Conte ha firmato il nuovo DPCM: “Senza restrizioni non ne usciremo già a novembre”

Se non stringiamo i denti non ne usciremo, lo stress sul nostro sistema sanitario è già preoccupante. Soffriremo a novembre ma contiamo di poter tornare a respirare a dicembre e ad arrivare a festeggiare in maniera serena il Natale, magari con già qualche dosi di vaccino“. Lo ha detto il premier Conte nella conferenza stampa di presentazione del nuovo DPCM. Ecco le nuove misure valide da dopo la mezzanotte fino al 24 novembre:

Dopo le 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico, ma è consentita la consegna a domicilio e fino alle 24 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Chiusi teatri e sale cinematrografiche, oltre ai parchi tematici e di divertimento e agli stabilimenti di sci se non per gli allenamenti professionistici.

Chiusi anche palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali. Si potrà però fare sport all’aperto ma solo in modo individuale.

– Sospese le attività sportive di squadra, ma sono consentiti gli eventi e le competizione di interesse nazionale, nei settori professionistici e dilettantistici, solo però a porte chiuse.

Le scuole primarie e dell’infanzia rimangono in presenza, prevista invece la didattica a distanza per il 75% delle lezioni delle scuole secondarie. Per quanto riguarda le università, libera scelta agli atenei in base

– Non c’è coprifuoco ma viene “fortemente raccomandato” a tutti i cittadini di non spostarsi, con mezzi privati o pubblici, se non per motivi di lavoro o di salute e di non fare incontri in casa con persone non conviventi.

Vietate le feste private e le cerimonie, religiose e civili.

Restano aperti i musei e i luoghi di cultura, così come i luoghi di culto.

Chiuse sale bingo, sale scommesse, teatri, cinema, consentite le attività delle vendite al dettaglio, consigliato per tutto il resto la modalità di lavoro in smart working.