Input your search keywords and press Enter.

Il Comitato Civico No Gori risponde a Biancardi: “Lei non rispetta la volontà dei suoi cittadini di tornare all’acqua pubblica”

Non si è fatta attendere la risposta alle dichiarazioni del sindaco di Nola Geremia Biancardi, che in un’intervista pubblicata sul blog lavocedelnolano aveva dichiarato risolto il contenzioso tra i cittadini nolani e la Gori, società che si occupa della distribuzione idrica, ormai da tempo al centro del mirino dei consumatori, che richiedono di tornare ad usufruire dell’acqua pubblica (qui l’intervista a Biancardi). La risposta è arrivata tramite una nota pubblicata sul profilo Facebook del Comitato Civico No Gori, nota che riportiamo per intero.

Considerazioni del Comitato di Nola

E’ Lei, Sindaco, che ha costruito la carriera politica sulle orme dell’On.le Russo, altrimenti a Nola avrebbe avuto solo pochi voti. Per l’acqua pubblica Lei è stato un grande bugiardo e lo è tuttora.
Lei Sindaco finge di ignorare che in questi ultimi due mesi stanno pervenendo fatture cosiddette “pazze” e che l’Ufficio GORI di Nola (altra grande sua realizzazione) è preso d’assalto fin dal primo mattino dai cittadini del comprensorio con la speranza di poter parlare con l’addetto di Nola e rappresentare il problema che pagare cifre che vanno dai 500 ai 5.000 euro è veramente impossibile!
Lei Sindaco finge di ignorare che hanno aderito all’accordo con il Comitato, Comune e GORI solo 200 utenti circa e che altri 5.000 hanno deciso di continuare la disubbidienza della bolletta.
Lei Sindaco finge di ignorare che esiste una rete dei Sindaci per l’acqua pubblica e la LIQUIDAZIONE DELLA GORI alla quale hanno aderito finora 17 sindaci di Comuni importanti (Sarno, Nocera Inf. Pompei, Castellammare e più vicino a Nola, Saviano, Scisciano e la “sua” Roccaraionola).
Lei, Sindaco finge di ignorare che le è stato consegnato ad ottobre 2013 da esponenti del nostro Comitato l’impegno solenne ad aderire alla predetta Rete e finora non l’ha fatto. Perché non lo ha detto all’intervistatore?
Lei, Sindaco ha ricevuto dal Comitato una Raccomandata A.R. assunta dal Protocollo il 2 aprile u.s. alle ore 10,30 con la quale veniva sollecitato l’adempimento dell’accordo di cui tanto si vanta, raccomandata che non ha ricevuto alcuna sua risposta;
Lei Sindaco forse veramente ignora che i letturisti della GORI, chiamati per lavori precari, hanno candidamente dichiarato di non sapere nulla del citato accordo.
Lei, Sindaco, in merita all’acqua pubblica è completamente al servizio della casta e dei poteri forti, ignorando che continuamente calpesta la dignità dei cittadini e non rispetta la volontà popolare espressa con i due referendum del 12 e 13 giugno 2011….Lei, Sindaco, il 2 agosto successivo voto incoerentemente l’aumento delle tariffe.
Infine, Lei, Sindaco, ignora che il suo amico On.le Sarro con decreto motu proprio ha aumentato le tariffe del 44% per l’anno in corso e di un ulteriore 24% per il 2015. Ma Lei, Sindaco, cosa fa, dorme mentre i cittadini crepano?