Input your search keywords and press Enter.

Biancardi alla stampa: “Scandalo Piazzolla? Pensate a cose più serie”

Da giorni stanno circolando per le strade di Piazzolla dei volantini particolari, un’anonima fonte informa tutti i cittadini sulle perversioni e sui tradimenti dei cittadini di Piazzolla. Il volantino sta girando anche sul web, arrivando addirittura all’attore Luca Bizzarri, che l’ha condiviso sul suo profilo twitter. Il sindaco di Nola, Geremia Biancardi, è stato raggiunto dai colleghi del Corriere del Mezzogiorno che l’hanno intervistato proprio riguardo questo scottante e quanto mai particolare tema. Nell’intervista il sindaco di Nola ha dichiarato di non voler essere considerato il “sindaco dei cornuti” e ha invitato i giornalisti ad interessarsi di cose più serie. Ecco l’intervista integrale del Corriere del Mezzogiorno (questo invece il link dell’articolo intero ” http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/15_marzo_19/non-sono-sindaco-cornutiquel-volantino-squallore-7fb5d864-ce2e-11e4-96b7-2cbc6edfe378.shtml “) :

«Eh. E che ti devo dire».

Be’, da primo cittadino qualcosa dovrà pur dire no?

«E allora dico che voi state facendo un bordello incredibile su questa storia. Ognuno va a letto con chi vuole. Fatti loro».

Il problema è che i «fatti loro» sono stati spiattellati in piazza da un volantino.

«Anonimo».

Anonimo, certo. Ma «cornuti» e «scornacchiati» sono facilmente identificabili.

«E infatti quei volantini sono stati già rimossi».

Perché affissioni abusive?

«Certo, ma per la verità non c’è bisogno di scomodare leggi e regolamenti: a toglierli ci hanno pensato infedeli e cornuti prima dei vigili».

È annunciata una seconda puntata…

«Eddai, stiamo parlando del quartiere di una frazione di Nola. Solo voi potete complicare la situazione. Sono arrivati giornalisti, operatori televisivi. Non avete cose più serie di cui occuparvi?».

Converrà che non accade tutti i giorni che una signora spiattelli le infedeltà di mezzo paese.

«E che ci vuoi fare. O la picchi o la denunci. E, siccome picchiarla è cosa fuori dalla grazia di Dio, non resta che andare in Procura e sporgere querela per diffamazione».

Il che, però, equivale ad autoaccusarsi di infedeltà.

«Allora ci vadano solo quelli che sono stati accusati ingiustamente. Ammesso che ce ne sia uno, ovviamente».

Nello Cassese

Classe 1994, laureato in Scienze della Comunicazione, frequenta il corso di laurea magistrale Corporate Communication and Media all’Università degli Studi di Salerno. Appassionato di calcio e sport in generale, segue con interesse e impegno temi di attualità vari, in particolar modo quelli inerenti il sociale e il terzo settore. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania dal novembre 2016. Dal gennaio 2018 è direttore di 081news. Ha collaborato con il quotidiano online IlPopolareNews e con l'emittente televisiva nolana Videonola.