Input your search keywords and press Enter.

Il Babà, dolce simbolo di Napoli, non nacque a Napoli, ma da un panettone lanciato in aria

Secondo la leggenda fu il re polacco Stanislao Leszczinski, suocero di Luigi XV di Francia, ad aver inventato il babà

Il re, d’abitudine mangiava a colazione un dolce austriaco, mezzo panettone e mezzo briosche ma un giorno, stanco di mangiare questo dolce troppo secco per i suoi gusti, quando gli fu servito il dolce abituale per colazione, fu colto da uno scatto d’ira: lanciò il dolce per aria, che casualmente andò a cadere in un bicchiere di liquore.

Il re un po’ pentito, andò a recuperare il dolce e vedendo che a causa del contatto con liquore, aveva una consistenza più morbida,lo assaggiò.

Dopo averlo assaggiato, esultò per quanto lo trovasse buono.

E da quel giorno, ogni volta che gli veniva servito quel dolce un po’ secco, pretendeva lo si bagnasse nel liquore.

Essendo lui un appassionato di cucina, fece ancora degli esperimenti: preparò l’impasto del dolce aggiungendovi più lievito per renderlo ancora più soffice .

Decise di chiamare questa sua invenzione: Ali Babà, il protagonista delle “Mille e una notte” perché era frutto del caso e delle sue idee.

Anche dopo, secondo la tradizione, il babà venne definito “ figlio di un’idea o “dolce dei lumi