Input your search keywords and press Enter.

Coronavirus, scuole chiuse: botta e risposta tra De Luca e Azzolina

La ministra non ci sta, non le è proprio piaciuta l’ultima ordinanza di De Luca che ha chiuso le scuole in Campania. Citata da SKY, la ministra Azzolina ha detto:Oggi gli studenti campani dove sono? In giro per le strade, i negozi i centri commerciali, ho visto le foto. Non credo siano luoghi più sicuri della scuola. Il ministro dell’Istruzione non ha il potere di aprire le scuole né di chiuderle la decisione se impugnare la decisione del governatore De Luca sarà di tutto il governo che ne parlerà, se lo riterrà opportuno e necessario. Io guardo i dati più che l’emotività e i dati dicono che le scuole sono posti più sicuri di altri posti del Paese, la Germania non chiude le scuole proprio per questo motivo. È una questione di priorità, la scuola è una priorità per il Paese?“.

Il governatore De Luca, che ora è al centro di critiche da migliaia di campani, ha parlato di “scelte responsabili fatte ora, prima di arrivare con l’acqua alla gola, scelte che dobbiamo fare adesso per non farle in futuro” ed ha elencato i dati dei contagi nelle scuole: “Ritengo opportuno ricordare i dati a me comunicati dalla task force regionale. Al 15 ottobre i tamponi positivi registrati in Campania sono stati 1.127 su 13.780, pari all’8,1 % rispetto al 7,1 di ieri. Per quanto riguarda il mondo della scuola, ho i dati riferiti a Napoli e Caserta. L’Asl Napoli mi segnala contagiati contagiati tra alunni e docenti; l’Asl Napoli 2 invece 110 contagiati 110; l’Asl Napoli 3 me ne segnala 200 e l’Asl Caserta 61. Decine di questi contagi sono contatti diretti, e sono stato rintracciati attraverso il contact tracing”.